Snapchat ha appena reso pubblica la sua IPO: ecco 5 motivi per cui dovresti preoccuparti

snapchat snap ipo mette in evidenza gli occhiali pop up store nycLo sviluppatore di Snapchat Snap Inc. ha reso disponibile al pubblico la sua offerta pubblica iniziale (IPO) giovedì tramite la Securities and Exchange Commission, insieme ad alcuni dati affascinanti sulla società stessa.

Sebbene il documento sia rivolto a potenziali investitori che potrebbero aiutare Snap a raccogliere i 3 miliardi di dollari previsti, è anche ricco di informazioni interessanti sulla popolare app di messaggistica visiva e sulla sua società madre.

Abbiamo diluito la lunga archiviazione per identificare le informazioni più rilevanti per utenti e lettori generali, dalle linee guida illustrate su come utilizzare Snapchat ai riconoscimenti sulle carenze dell'app.

Per saperne di più sui dati finanziari e sui numeri degli utenti di Snap, dai un'occhiata alla nostra notizia sulla sua IPO qui.

Gli occhiali potrebbero presto essere molto più facili da acquistare

Gli occhiali da sole per la registrazione video di Snap sono stati rilasciati con grande clamore l'anno scorso. Per capitalizzare questo ronzio, la società sta pianificando di rendere più facile per te mettere le mani sul dispositivo indossabile da $ 130.

Snap afferma che "amplierà in modo significativo la distribuzione di Spectacles" nel 2017. Attualmente, il dispositivo è disponibile solo tramite un distributore automatico che appare in posizioni casuali per un arco di 24 ore. I clienti possono scoprire dove si trova tramite il sito Web di Spectacles e quindi fare la fila nella speranza di poter prendere il dispositivo indossabile prima che lo stock limitato si esaurisca.

"Ci aspettiamo di continuare a fare investimenti sostanziali in inventario, marketing e distribuzione", promette Snap. Resta da vedere se abbandonerà il suo metodo di vendita al dettaglio non convenzionale (potrebbe sempre lanciare più distributori automatici). In passato, la società ha anche venduto il dispositivo tramite un negozio pop-up, indicando che potrebbe adottare un approccio fisico, aprendo più negozi durante l'anno. In ogni caso, una cosa è certa: altri Spectacles sono in arrivo.

Snap afferma inoltre che investirà in "innovazione di prodotto". Spectacles potrebbe essere aggiornato nel 2017? Non ci resta che aspettare e vedere.

Snap ammette che Snapchat non è ottimizzato per Android

Nella sua IPO, Snap rivela che la sua app viene utilizzata principalmente su iPhone. Come risultato di questo maggiore coinvolgimento su iOS, la società afferma di aver "dato la priorità" allo sviluppo di Snapchat per operare con il sistema operativo Apple, piuttosto che con Android.

Gli utenti del sistema operativo di Google hanno a lungo affermato che l'esperienza Snapchat su dispositivi Android (come Samsung, LG e HTC) era carente, in particolare per quanto riguarda la velocità delle app, i video mobili e la qualità delle foto. Adesso sappiamo perché.

Visto che Android detiene oltre l'86% del mercato mondiale dei sistemi operativi per smartphone, secondo i dati della società di ricerca tecnologica Gartner, la supervisione di Snapchat potrebbe costare caro. È un rischio che l'azienda ammette nella sua IPO: "Se non siamo in grado di migliorare l'operatività dei nostri prodotti su smartphone con sistemi operativi Android, e quegli smartphone diventano più popolari e meno persone usano smartphone con sistemi operativi iOS, la nostra attività potrebbe essere seriamente danneggiata . "

Non riesco a capire Snapchat, consulta i suoi diagrammi annotati

Precedente Successivo 1 di 9 snapchat snap ipo evidenzia panoramicasnapchat snap ipo evidenzia la fotocamerasnapchat snap ipo evidenzia le chatsnapchat snap ipo evidenzia le convocazionisnapchat snap ipo evidenzia i geofiltrisnapchat snap ipo evidenzia le lentisnapchat snap ipo evidenzia i ricordisnapchat snap ipo evidenzia gli snapsnapchat snap ipo evidenzia le storie

Se hai problemi a familiarizzare con Snapchat, ora puoi consultare la fonte per un'utile linea guida illustrata. Mentre Snap tende a fornire istruzioni rapide agli aggiornamenti delle sue app sul suo sito web, finora si è tenuto alla larga dal fornire una spiegazione dettagliata della sua app.

Con la società destinata a diventare pubblica a marzo, tuttavia, ora deve spiegare il suo prodotto di punta agli investitori che potrebbero non conoscere Snapchat, a parte il fatto che si tratta della proprietà tecnologica più in voga negli ultimi tempi. Dopotutto, anche fino ad oggi, Snapchat rimane il dominio degli utenti più giovani (adolescenti e millennial costituiscono la maggior parte della sua base di utenti).

Nascosto nella sua IPO è lo Snap più vicino che sia mai arrivato a fornire un manuale utente approfondito per la sua app, che lo vede scomporre ogni sezione di Snapchat. Dai un'occhiata sopra e, prima che tu te ne accorga, avrai familiarità con storie, obiettivi, geofiltri, ricordi e le altre funzioni principali che l'app ha da offrire.

Le origini di Snap contengono tanto dramma quanto The Social Network

snapchat-ceo-evan-spiegel Il CEO di Snap Evan Spiegel nella foto nel 2014.

Qualcuno chiami Aaron Sorkin al telefono. Le prove e le tribolazioni di Snap lungo il percorso verso una stima di 25 miliardi di dollari potrebbero costituire un elettrizzante film di Hollywood.

La società rivela nella sua IPO di aver risolto una causa con un individuo che stava citando in giudizio la sua entità predecessore per un importo di 157,5 milioni di dollari. Quella persona era il co-fondatore di Snapchat Reggie Brown.

Una breve lezione di storia: il CEO di Snap Evan Spiegel, i suoi compagni della Stanford University Bobby Murphy (attuale CTO di Snap) e Reggie Brown hanno sviluppato un'app di breve durata chiamata "Picaboo", che consente agli utenti di condividere foto che scompaiono. Il prodotto è stato successivamente ribattezzato Snapchat, poiché il suo titolo originale era già stato preso, a quel punto Brown non faceva più parte dell'immagine.

Nella sua causa, Brown ha affermato di aver proposto l'idea di condividere foto temporali a Spiegel e di aver progettato l'ormai iconico logo fantasma dell'azienda. Nonostante inizialmente affermasse che le accuse erano prive di fondamento, Snapchat è stato successivamente costretto a tornare sui propri passi quando ha risolto la causa nel 2014 (i cui dettagli sono rimasti riservati fino ad ora). "Riconosciamo il contributo di Reggie alla creazione di Snapchat e apprezziamo il suo lavoro nel far decollare l'applicazione", ha detto Spiegel all'epoca.

Snap elenca Apple come rivale, ma Instagram è la minaccia più grande

Una delle affermazioni più sorprendenti dell'IPO di Snap è che la società vede Apple come un concorrente. Tra gli altri, più evidenti rivali (tra cui Facebook, Twitter e l'app di messaggistica giapponese Line), Snap elenca anche il gigante tecnologico di Cupertino, in California, come una delle sue minacce "più grandi e consolidate".

Nonostante non faccia alcun riferimento specifico ai prodotti Apple, è probabile che Snap indichi che iMessage e FaceTime potrebbero essere diretti rivali della sua app di messaggistica visiva. Il servizio di messaggistica di Apple si è espanso in modo importante con il rilascio di iOS 10, aggiungendo elementi giocosi come adesivi, la possibilità di scarabocchiare messaggi e un motore di ricerca GIF nativo.

Snap afferma inoltre che Apple potrebbe ostacolare la sua crescita "modificando l'hardware e il software esistenti su cui opera l'applicazione Snapchat". Ora che sappiamo che l'app è più ampiamente utilizzata su iOS, qualsiasi modifica a quel sistema operativo che influisca sull'usabilità di Snapchat rappresenterebbe una battuta d'arresto critica.

Non sorprende che anche Instagram sia elencato come una minaccia. Snap menziona persino il fatto che Instagram ha plagiato la sua funzione Storie nell'agosto dello scorso anno. La versione quasi identica di Instagram sulla funzione di condivisione sui social attualmente registra un numero impressionante di 150 milioni di visualizzazioni giornaliere. Aggiungete a ciò i 600 milioni di utenti mensili che utilizzano l'app di condivisione di foto di proprietà di Facebook e avrete un ostacolo molto grande che si frappone alla crescita futura di Snapchat.