Non fare clic! Queste sono le bufale di Facebook che devi evitare

Facebook

Ora che Facebook ha miliardi di utenti, ha anche miliardi di messaggi spam e bufale che fanno il giro. Sfortunatamente, questi post possono sembrare normali aggiornamenti di stato e un clic può inviare spam all'intero social network e dare a una truffa una vita virale. 

Questo problema non sta andando da nessuna parte: infatti, questi stratagemmi stanno aumentando - le truffe sui social media hanno rappresentato il 53% delle truffe nel 2012 - con un aumento del 42% degli attacchi dox "mirati" (attacchi con la conoscenza delle informazioni personali della vittima) afferma Norton Security. Con questo in mente, abbiamo raccolto alcune delle recenti bufale di Facebook che affliggono il social network che dovresti tenere d'occhio ed evitare. Quindi controlla cosa sta infettando Facebook e seriamente, NON fare clic se vedi uno dei seguenti elementi nel tuo feed di notizie. 

Mi piace coltivare Facebook

samsung giveaway facebook bufala

Se dai un'occhiata ai forum degli hacker, troverai infinite risorse attribuite alla coltivazione di Mi piace di Facebook da utenti falsi e reali. Vorrei iniziare dicendo che non c'è nessuno in particolare che viene truffato qui. Probabilmente è la "bufala" meno diretta in questa carrellata, ma potresti chiederti qual è il valore di questa strategia. Ebbene, i Mi piace di Facebook, per quanto semplici possano sembrare, sono molto, molto importanti per i professionisti del marketing che utilizzano la piattaforma e non si fermeranno davanti a nulla per ottenerli. 

Questa bufala è semplice. Crea una pagina Facebook che promuova un prodotto, un gioco, un servizio o qualsiasi cosa tu possa pensare, arrivando a suggerire che la pagina è sostenuta dal marchio attorno al quale è stata creata la pagina e accumula follower. La "bufala" qui sta nel metodo con cui queste pagine raccolgono follower.

Potresti aver visto pagine Facebook che ospitano un omaggio, ad esempio uno smartphone se la pagina è dedicata a un certo tipo di smartphone. Molte di queste bufale finiranno per chiedere Mi piace e condivisioni (che attirano i tuoi amici) per partecipare a detto "concorso", ma il problema è che questi concorsi in realtà non regalano nulla. Non ci sono premi in primo luogo. Una rapida ricerca su Google è davvero sufficiente per questi "contadini" per scattare una foto ai fini di questo finto concorso. E per coltivare più follower, questi falsi concorsi vengono pubblicati regolarmente o tendono a suggerire che offre centinaia di prodotti per questi omaggi.

Ora quanti soldi ci sono in questo? Diciamo solo che i marketer sono là fuori con un po 'di soldi che cercano di togliere queste famose pagine Facebook dalle mani del creatore per circa $ 1.000 per 100.000 follower della pagina Facebook.

Facebook salverà i bambini che muoiono di fame donando $ 1 per azione ... tranne che non proprio

una bufala sulla donazione di Facebook

Attingi all'empatia e ingannerai abbastanza persone da guadagnare velocemente. C'è una bufala di beneficenza in giro, che chiede agli utenti di Facebook di condividere una foto di un bambino malnutrito e malato, con l'idea che ogni condivisione ammonterà a $ 1 donato da Facebook a un ente di beneficenza.

Ebbene, Facebook potrebbe essere benevolo ma non lascerebbe la quantità di denaro che un ente di beneficenza dovrebbe ricevere ai suoi utenti. Fidati di noi, l'azienda ha un sacco di soldi da donare come meglio crede. 

I creatori della bufala stanno semplicemente cercando di accumulare Mi piace e condivisioni in un modo piuttosto immorale, usando immagini casuali di bambini malati da Internet. Poiché in alcuni casi questi post di foto potrebbero includere un collegamento a una determinata pagina Web o pagina Facebook, puoi vedere come potrebbe indirizzare il traffico a un URL di destinazione piuttosto rapidamente.

Le bufale di Facebook delle celebrità

joel osteen facebook

Le celebrità hanno molto di cui preoccuparsi, sfortunatamente, con imitatori abbondanti su Facebook e altri social network. E i fan di queste celebrità possono essere truffati dai loro sudati dollari.

Un'elaborata bufala ideata ed eseguita il mese scorso ha portato a un falso racconto di Joel Osteen che rappresentava falsamente il suo punto di vista, il che indicava che voleva lasciare il suo ministero a causa della "mancanza di fede". Quella ovviamente era una voce falsa inventata dal creatore del falso account Osteen. Ma la truffa non si è fermata qui. Come sapete, i ministeri spesso chiedono contributi o donazioni. Usando questa premessa, il falso account Osteen avrebbe fatto richieste di amicizia, offerto lavoro e richiesto donazioni al ministero di Osteen. In effetti, Osteen è un bersaglio particolarmente facile e nell'ultimo anno è stato oggetto di "dozzine di false pagine Osteen a settimana su Facebook", riporta lo Houston Chronicle. 

Autentica la truffa del profilo Facebook

account Facebook disabilitato

Questo tipo di bufala è piuttosto difficile da identificare come una truffa, anche se la maggior parte di noi sa che Facebook non tenterà mai di "autenticare" un profilo. Tuttavia, l'e-mail, l'URL collegato e il formato sembrano familiari ad altre e-mail che ricevi da Facebook, quindi è comprensibile che alcuni utenti si innamorino di un messaggio che dice che il loro account è stato disabilitato.

La cosa veramente intelligente di questa truffa è che quando fai clic sull'URL della pagina web, il sito appare esattamente come la pagina di accesso di Facebook. Ma quando digiti le tue informazioni di accesso, ciò che stai effettivamente facendo è digitare e inviare le tue informazioni a un hacker. Allo stesso tempo, molte di queste truffe seguiranno un'altra pagina che ti chiede di inserire i tuoi dati personali tra cui nome, indirizzo, numero di previdenza sociale o altre informazioni personali a seconda di quanto coraggioso sia lo sforzo.

Avvisi di virus falsi

Il bello dei social network come Facebook è il potenziale per i contenuti di diventare virali. Il problema a volte è che il contenuto è dannoso e può diffondersi a macchia d'olio. Un nuovo tipo di bufala che è stato rilevato secondo Scambook è un falso avviso di virus che dice agli utenti di cercare un virus chiamato "Archive (Windows Live)" che è il virus "peggiore in assoluto" noto all'uomo. La parte duplicata della truffa non riguarda solo il fatto che il suddetto virus non esiste effettivamente e la natura virale di questa bufala (è già interessata da più di 35.000 utenti), è il fatto che gli utenti hanno finito per cercare su Google il virus e / o scaricando programmi antivirus, non sapendo che molti utenti finiscono per scaricare falsi programmi "antivirus". Per fortuna ormaiLe ricerche in "Archivio (Windows Live)" forniscono articoli che smentiscono il messaggio e lo considerano una bufala, ma ciò non significa che futuri bufale come questo non verranno visualizzati.