Presto sarai in grado di migrare le tue foto di Facebook su Google Foto

Facebook ti consentirà presto di migrare facilmente quelle centinaia di vecchie foto e video che hai caricato anni fa su altri servizi come Google Foto. In un post sul blog, il social network ha affermato che sta lanciando un nuovo strumento in Irlanda che ti consente di portare i tuoi media di Facebook senza doverli scaricare e caricare manualmente da qualche altra parte.

L'annuncio è il risultato della partecipazione di Facebook al Data Transfer Project, un'iniziativa open source per abilitare la migrazione dei dati multipiattaforma tra varie piattaforme. Facebook è membro del progetto da un po 'di tempo insieme ad Apple, Google, Twitter e altri. Per inciso, anche gli strumenti che ti permettono di scaricare tutti i tuoi dati di Facebook o Google erano basati sul codice sviluppato attraverso il Data Transfer Project.

"In Facebook, crediamo che se condividi i dati con un servizio, dovresti essere in grado di spostarli su un altro. Questo è il principio della portabilità dei dati, che offre alle persone controllo e scelta incoraggiando allo stesso tempo l'innovazione ", ha scritto Steve Satterfield, Direttore della privacy e delle politiche pubbliche dell'azienda.

Facebook afferma che sta attualmente testando il nuovo strumento in Irlanda e prevede di renderlo disponibile per il resto dei mercati a metà del 2020. Puoi trovare la sua opzione nelle impostazioni di Facebook nella sezione Le tue informazioni di Facebook. La funzione sarà inizialmente limitata a Google Foto, ma Facebook afferma che alla fine funzionerà con più servizi.

Inoltre, Google non ha fatto alcun annuncio, quindi resta da vedere se saresti in grado di trasferire i media sul tuo profilo Facebook da altre piattaforme. Inoltre, non sappiamo molto su come funzionerà questa nuova funzionalità e, cosa più importante, se includerà un'opzione per eliminare i file da Facebook una volta trasferiti.

Facebook ha avuto un passato difficile e molti utenti hanno estratto le foto e i video che hanno caricato nel corso degli anni dal social network. Sebbene la società abbia lottato per rimanere fuori dalle notizie, apparentemente ha suscitato nuove polemiche ogni settimana. Il 25 novembre, Facebook ha rivelato che i dati privati ​​di "centinaia di utenti" erano stati compromessi da app Android di terze parti dannose.

Fino ad ora, gli utenti erano costretti a scaricare manualmente i propri dati e ricaricarli nell'archivio cloud di loro scelta. Il nuovo strumento eliminerà questo problema, anche se non sarà disponibile per almeno altri sei mesi.