Il centro informazioni sul voto di Facebook è ora disponibile

L'hub di informazioni di Facebook per le risorse di voto, annunciato poche settimane fa, è ora disponibile negli Stati Uniti. Il social network ha scritto in un post sul blog che, offrendo un accesso rapido a informazioni di voto accurate e autorevoli, vuole aiutare a "proteggere l'integrità delle nostre elezioni" e "navigare in un processo elettorale confuso".

Sia gli utenti di Instagram che di Facebook troveranno presto un collegamento al Centro informazioni sul voto nei loro account. Facebook, tuttavia, afferma che invierà anche notifiche individualmente per informare le persone in età di voto sulla nuova funzionalità.

Presentato originariamente con l'obiettivo di aiutare 4 milioni di elettori a registrarsi quest'anno, l'hub online di Facebook offre risorse su un'ampia varietà di argomenti relativi alle elezioni, come link rilevanti per registrarsi come elettori, richieste di assenti o schede elettorali per posta, "ben fornito notizie "e messaggi verificati da funzionari delle elezioni statali e altre organizzazioni civiche apartitiche. A partire da giovedì 13 agosto, Facebook inizierà anche a etichettare i post relativi alle votazioni - con un collegamento al centro informazioni - da tutti i suoi utenti, non solo dai politici federali.

Centro informazioni sul voto di Facebook

Facebook ha anche aggiunto uno strumento chiamato Avvisi di voto, che ti consente di ricevere aggiornamenti dalle autorità elettorali locali sulle "modifiche dell'ultimo minuto al processo di voto". Il social network afferma che solo le pagine di un'autorità governativa, non i singoli funzionari elettorali, possono partecipare a questo. La società sta collaborando con il Bipartisan Policy Center per alimentare un Facts About Voting intitolato che ospiterà "fatti su argomenti elettorali comuni".

"Credo che Facebook abbia la responsabilità non solo di impedire la soppressione degli elettori - che prende di mira in modo sproporzionato le persone di colore - ma anche di supportare attivamente il coinvolgimento, la registrazione e l'affluenza alle urne degli elettori ben informati", ha detto due mesi fa il CEO di Facebook Mark Zuckerburg.

Facebook deve affrontare una sfida particolarmente grande quest'anno. A causa dell'aumento dei voti per corrispondenza, i risultati delle elezioni saranno finalizzati più tardi del solito, quindi c'è molto più spazio per la disinformazione per diffondersi e influenzare gli elettori. "Un processo di votazione prolungato ha il potenziale per essere sfruttato al fine di seminare sfiducia nei risultati elettorali", ha scritto nel post del blog Naomi Gleit, vicepresidente del prodotto e dell'impatto sociale.

Anche se Zuckerberg è stato a lungo contrario all'idea, secondo quanto riferito anche Facebook sta considerando un divieto di pubblicità politiche. A giugno, il social network ha aggiunto la possibilità per gli utenti di disattivare personalmente gli annunci politici.

Mercoledì 12 agosto, Facebook ha annunciato che è una delle nove società tecnologiche che si sono incontrate con le agenzie federali per discutere dei problemi di disinformazione e di come ciascuna piattaforma si sta preparando per le elezioni di novembre.