L'ossessione di una teenager britannica per un selfie perfetto lo ha quasi ucciso

Selfie WTF

Recentemente l'American Academy of Facial Plastic and Reconstructive Surgery (AAFPRS) ha pubblicato uno studio che ha riscontrato un aumento delle persone che richiedono la ricostruzione del viso, al fine di essere "più consapevoli degli sguardi nei social media", anche grazie al fenomeno dei selfie. Molte di queste persone nello studio sono giovani e attive sui social media e la percezione di un brutto selfie sta causando loro cambiamenti drastici per avere un aspetto migliore nei ritratti di autoritratti. Potresti liquidarlo come una moda passeggera, ma l'ossessione per i selfie potrebbe portarne qualcuno su un percorso pericoloso. Il Daily Mirror riporta che un diciannovenne britannico si è quasi suicidato perché non poteva fare il selfie perfetto.

Uno dei tanti Uno dei tanti selfie "infelici" che Danny Bowman ha scattato a se stesso.

Il giovane, Danny Bowman, avrebbe trascorso 10 ore al giorno a scattare più di 200 autoritratti con il suo iPhone. L'ossessione è iniziata quando aveva 15 anni, ed è diventata così grave che stava uscendo di nascosto dalla classe, abbandonato la scuola, perso 28 libbre e overdose a casa sua. I suoi genitori hanno cercato di intervenire, il che lo ha solo fatto arrabbiare. I commenti negativi di Facebook sui suoi selfie e il desiderio di assomigliare al suo idolo, Leonardo Di Caprio, non hanno aiutato la sua causa.

"Ero costantemente alla ricerca di scattare il selfie perfetto e quando ho capito che non potevo volevo morire", ha detto Bowman al Daily Mirror. "Ho perso i miei amici, la mia istruzione, la mia salute e quasi la mia vita." 

Mentre il Daily Mirror descrive Bowman come il primo dipendente dai selfie della Gran Bretagna, Bowman soffre anche di disordine dismorfico del corpo, o BDD, una condizione molto reale che si ritiene sia la causa della dipendenza da selfie di Bowman. A noi sembra perfettamente normale, ma si vede completamente diverso. I problemi sono iniziati davvero quando è stato scelto per diventare un modello nel 2011, portandolo ad essere ossessionato dal suo aspetto attraverso la tecnologia.

Per la maggior parte di noi, il fenomeno dei selfie è ironico, ma per alcuni potrebbe diventare una forma autodistruttiva di narcisismo, avvertono gli esperti, potenzialmente dannosi. I selfie da soli potrebbero non indurre le persone a suicidarsi, ma un'ossessione malsana nei loro confronti potrebbe essere un segnale di avvertimento per qualche tipo di disturbo mentale.

( Daily Mirror via Time, fotografia fai da te )