Furto di identità secondo quanto riferito dilagante su Facebook, proteggiti

se non stai attento potresti essere la prossima vittima di frode d'identità su facebook idfraud

Il colosso dei social media Facebook è il principale appuntamento online per molte persone (1,15 miliardi di utenti attivi mensilmente a giugno 2013, per essere precisi) - questo è probabilmente il motivo per cui è costantemente sotto attacco o serio esame. Il social network non è solo afflitto da cause legali, virus, pescatori di gatti, prestatori di denaro e l'occhio vigile del governo ... con la quantità di persone che offrono liberamente tutti i tipi di dettagli pertinenti sulle loro vite personali su Facebook, un aumento delle frodi sull'identità sul sito è destinato a succedere.

Un rapporto di The Japan News descrive in dettaglio molti scenari in cui gli utenti di Facebook vengono indotti a cedere informazioni personali attraverso post falsi che sollecitano Mi piace, voti o clic sui link. È stato riscontrato che i messaggi conducono a una pagina che chiede agli utenti i dettagli di contatto (come un numero di telefono) e poiché si ritiene che questi collegamenti siano stati inviati da un "amico", non ci pensano nulla e acconsentono, finendo le vittime inconsapevoli di furto di identità.

Questi truffatori e hacker sono noti per trarre vantaggio dalle relazioni che le persone costruiscono su Facebook, facendo affidamento sul fatto che la maggior parte degli utenti sfoglia per abitudine il proprio feed di notizie. A volte, i truffatori fanno anche di tutto per ingannare gli utenti avventurandosi fuori Facebook e raggiungendo obiettivi tramite altri metodi. Greg Boyle, senior global product marketing manager per la società di software antivirale Trend Micro, ha recentemente scritto sulla sua esperienza: Aveva ricevuto una notifica e-mail in cui si dichiarava che una persona (che non era nella sua lista di amici di Facebook) lo aveva taggato nelle foto. A prima vista, l'e-mail sembrava legittima e simile a quella generata da Facebook quando le notifiche e-mail sono state configurate nelle impostazioni, ma dopo ulteriori indagini,Boyle ha scoperto che l'e-mail che ha ricevuto era fraudolenta e in realtà era un tentativo di esecuzione di spam del Blackhole Exploit Kit (BHEK): i collegamenti nell'e-mail reindirizzano l'utente a una pagina diversa, provocando il download automatico del malware nel proprio sistema. "Le prove delle passate esecuzioni di BHEK mostrano che generalmente utilizzano istituzioni finanziarie, e-commerce ed eventi globali come esche che inducono gli utenti a fare clic sui collegamenti e installare segretamente malware che ruba credenziali bancarie e informazioni personali, ecc.", Ha scritto Boyle.e-commerce ed eventi globali come esche che inducono gli utenti a fare clic sui collegamenti e installare segretamente malware che ruba credenziali bancarie e informazioni personali, ecc. ", ha scritto Boyle.e-commerce ed eventi globali come esche che inducono gli utenti a fare clic sui collegamenti e installare segretamente malware che ruba credenziali bancarie e informazioni personali, ecc. ", ha scritto Boyle.

Se hai visto il film Prendimi se puoi , allora sai che è basato su una storia vera sulla persona che Leonardo DiCaprio interpreta in esso - conman diventato esperto di sicurezza dell'FBI Frank Abagnale. All'inizio di quest'anno, Abagnale è apparso alla conferenza Advertising Week Europe a Londra e ha parlato con The Guardian dei pericoli del furto di identità su Facebook.

"Se mi dici la tua data di nascita e dove sei nato [su Facebook] sono il 98 percento [del modo] a rubare la tua identità", ha avvertito Abagnale. "Non indicare mai la tua data di nascita e dove sei nato [sui profili personali], altrimenti stai dicendo" vieni e ruba la mia identità "." Inoltre, raccomanda di non utilizzare mai una foto in stile passaporto come immagine del profilo di Facebook - le foto di gruppo sono considerate molto più sicure - e di astenersi dal fare commenti che rivelano troppo. "Quello che [le persone] dicono su una pagina Facebook rimane con loro", ha detto. "Ogni volta che dici che ti piace o non ti piace, stai dicendo a qualcuno [cose come] il tuo orientamento sessuale, l'origine etnica, il record di votazioni."

Abagnale ha anche commentato le leggi sulla privacy del Regno Unito, per le quali ha "un enorme rispetto" e ritiene che siano più avanzate rispetto alle leggi in vigore negli Stati Uniti.Questo potrebbe essere vero, ma non impedisce al Regno Unito di sperimentare il proprio problemi con la frode di identità, che è ancora in costante aumento: l'82% di tutti i casi avviene sul web. Allo stesso modo, su 700 adolescenti statunitensi intervistati, il 75% è risultato incurante delle proprie informazioni personali, rendendosi suscettibile al crimine online.

Sii vigile, mantieni il tuo account Facebook al sicuro

Se un utente viene bloccato fuori dal proprio account Facebook, il social network ha a disposizione un avviso su cosa potrebbe essere fatto per confermare l'identità e recuperare l'accesso. Inoltre, nelle impostazioni di sicurezza di Facebook, gli utenti hanno la possibilità di aggiungere contatti fidati, o tre "amici che possono aiutarti in modo sicuro se hai problemi ad accedere al tuo account"; questi contatti riceveranno i codici di sicurezza che devono inviare all'utente e, se tutti i codici sono corretti, l'utente può confermare la propria identità e reimpostare la password. Sebbene questo possa essere un metodo di sicurezza adatto per alcuni, qualsiasi hacker esperto o truffatore potrebbe essere in grado di fingere facilmente di essere te e contattare i tuoi amici fidati. Abbiamo contattato Facebook e abbiamo chiesto se è possibile e aggiorneremo questa storia una volta che avremo ricevuto risposta.

Alla fine, l'unica persona responsabile della sicurezza delle tue informazioni sei tu. Allo stesso modo in cui la tecnologia avanza, così fanno i problemi di sicurezza che ne derivano. Oltre a scegliere una password difficile da decifrare (che esclude compleanni, secondi nomi, nomi di animali domestici e la parola "password"), ci sono altre cose che puoi fare con le impostazioni del tuo account Facebook per renderlo sempre più difficile per i ladri di identità per mirarti.

Controlla le tue impostazioni sulla privacy. Limita il tuo profilo solo agli amici . Dove dice "Chi può vedere le mie cose", scegli qualsiasi cosa TRANNE Pubblico. Fai clic su "Limita i post precedenti" per modificare l'impostazione dei tuoi vecchi post su Solo amici. Questo è importante se non sei sicuro che uno dei tuoi vecchi post (che potrebbero contenere informazioni personali che possono essere utilizzate per rubare la tua identità) sia mai stato impostato su Pubblico.

impostazioni sulla privacy di Facebook

Mentre sei lì, imposta "Chi può contattarmi" e "Chi può cercarmi" su Amici o Amici di amici per limitare il numero di persone che possono trovarti utilizzando la tua email o il tuo numero di telefono.

Controlla le tue impostazioni di sicurezza. Fare clic su Navigazione sicura e abilitare l'opzione. Abilita anche le notifiche di accesso in modo che tu possa essere avvisato tramite e-mail o messaggio di testo ogni volta che un nuovo computer o dispositivo mobile viene utilizzato per accedere al tuo account Facebook. Fare clic su Approvazioni di accesso e selezionare l'opzione che richiede un codice di sicurezza prima di concedere l'accesso all'account su browser Web sconosciuti: verrà visualizzata una procedura dettagliata su come configurarlo sul telefono cellulare (Nota: affinché funzioni, devi avere l'app ufficiale di Facebook installata sul tuo telefono).

impostazioni di sicurezza di Facebook

Come ulteriore precauzione, prendi l'abitudine di controllare le sessioni attive. Se vedi un'attività che non è stata avviata da te, fai clic su Termina attività.

impostazioni di sicurezza di Facebook - sessioni attive