Google+ e Facebook: chat video e funzionalità chiave a confronto

google plus vs facebook

Il nuovo social network di Google Google+ ha solo una settimana e rimane chiuso al pubblico in una fase di test sul campo. Ma è già diventato facile vedere che Facebook ora ha un feroce concorrente nella battaglia per la supremazia dei social network. Ti abbiamo già illustrato il meglio e il peggio di ciò che Plus ha da offrire finora. Ora è il momento di mettere Google+ e Facebook testa a testa in uno scontro di funzionalità. Che i giochi inizino.

Chat video

Fino a mercoledì, le funzionalità di comunicazione in tempo reale di Google+ potrebbero battere le scarse offerte di Facebook senza sudare. Ma poi Facebook ha annunciato la chat video integrata con Skype e la chat di testo di gruppo, e l'intero gioco è cambiato.

chat video su facebook skype

Utilizzando la nuova funzione di chat video uno a uno, gli utenti possono videochiamarsi a vicenda direttamente dalle loro pagine del profilo (tramite un pulsante di "chiamata" tra i pulsanti "messaggio" e "poke"). Ovviamente, non abbiamo ancora avuto molto tempo per giocare con la funzione di chat video, ma quello che abbiamo visto finora sembra abbastanza solido.

Google+ dispone anche di chat video sotto forma di "Hangouts", una delle nostre funzioni preferite. Quello che Hangouts ha che la videochiamata Skype di Facebook non ha è la funzionalità di chat di gruppo. Le videochiamate di Facebook sono più simili alle telefonate, mentre gli Hangout sono una chat room in cui possono prendere parte fino a 10 persone.

Videochat di Google Plus Hangout

Sebbene né le videochiamate né le chat video di gruppo siano funzionalità completamente nuove, entrambe sono eccellenti aggiunte a un social network. Sì, gli Hangout sono incredibilmente divertenti. Ma dobbiamo dare questo giro a Facebook, dal momento che la videochiamata uno contro uno si rivelerà probabilmente più popolare e utile a lungo termine della chat video di gruppo, che non è altro che una novità. Inoltre, l'offerta di Facebook include l'eccellente infrastruttura Skype che sicuramente gestirà l'enorme numero di utenti che sta per ricevere. Resta da vedere se Hangouts può bloccarsi con l'utilizzo a livello pubblico.

Vincitore: Facebook

Feed

Sia Facebook che Google+ consentono agli utenti di pubblicare e condividere testo, link, foto e video. Ma come esperienza utente, il feed di notizie di Facebook e lo stream di Google+ sono due animali completamente diversi. Mentre Facebook cura l'esperienza del Nuovo feed offrendo "Notizie principali" - post di persone con cui ti colleghi regolarmente che hanno generato conversazioni - lo Stream si concentra su ciò che è caldo in questo momento. Sì, Facebook offre anche post "Più recenti", ma questi sono fastidiosamente riposti a portata di clic, senza alcun modo per rendere gli ultimi aggiornamenti feed un'impostazione predefinita.

Original text


Facebook-News-Feed

Ci sono aspetti positivi e negativi in ​​entrambi. Mentre il feed di notizie di Facebook può spesso sembrare lento e statico rispetto allo stream di Plus, la natura in costante aggiornamento dello stream (i commenti su Google+ appaiono istantaneamente, in tempo reale, ad esempio) si traduce in una serie quasi infinita di post probabilmente non ti interessa, proprio come un feed Twitter molto popolato. Ancora una volta, questo è ottimo per scenari di tipo "ultime notizie", ma può far sembrare un po 'opprimente passare molto tempo sul sito, specialmente su post particolarmente popolari.

L'unica area che Google+ ha completamente battuto su Facebook è nel reparto di condivisione. Con l'aiuto dello strumento di organizzazione degli amici "Cerchie", i post su Plus possono essere condivisi con il minor numero di contatti che desideri o con il pubblico in generale. Su Facebook, chiunque sia un "amico" può vedere ciò che pubblichi - a meno che, ovviamente, non passi attraverso il processo assurdamente poco pratico di inserire i tuoi contatti in gruppi e modificare le impostazioni di privacy di ogni post che pubblichi.

Google Plus + Stream

Sebbene l'elevato livello di rumore su Google+ sia fastidioso, è un problema abbastanza noto che abbiamo fiducia nel team Plus che risolve questo problema prima che la rete si apra al pubblico. Quindi, per quanto solido sia il feed di notizie di Facebook, dobbiamo andare con Google+ su questo.

Vincitore: Google+

Privacy

Non è un segreto: Facebook ha una storia terribile quando si tratta di privacy. La sua politica attualmente corre da qualche parte intorno a 6.000 parole, in una lingua che solo un avvocato potrebbe amare. Impostare il tuo profilo in modo da non pubblicare i tuoi pensieri e le tue azioni in modo che il mondo intero possa vederli è frustrantemente difficile. E se non stai attento, una delle tue foto di festa da ubriachi potrebbe finire in una campagna pubblicitaria su Facebook vista da milioni e milioni di persone.

Privacy di Facebook

Google+, d'altra parte, fa di tutto per rendere i controlli della privacy una funzionalità centrale del social network. L'informativa sulla privacy di Google+ è lunga solo circa 1.000 parole ed è scritta per lo più in un inglese semplice, anche se ci sono ancora alcune ambiguità problematiche, come se l'attività degli utenti Plus sarà mai estratta o meno dai dati per creare annunci mirati, come fa con YouTube attività.

Privacy di Google Plus +

Purtroppo Google+ non consente a nessuno di avere un profilo completamente privato, mentre Facebook permette agli utenti di rendere il proprio account completamente invisibile, dal pubblico o da altri utenti di Facebook. Questa, tuttavia, è una delle poche aree in cui Facebook infonde fiducia in noi. Nel complesso, Google sembra aver posto la privacy al centro di Plus, il che è una mossa saggia, indipendentemente da come la guardi.

Vincitore: Google+

Friending

L'aggiunta di contatti a Facebook è una strada a doppio senso: chiunque desideri essere “amico” deve anche accettarti come amico. Non è così che funziona Google+. Invece, chiunque può seguirti e tu puoi seguire chiunque, senza fare domande. Per questo motivo, Facebook e Google+ sono due social network molto diversi, con Plus più simile a Twitter, Tumblr o una varietà di altri servizi, più di Facebook.

Richieste di amicizia su Facebook

Un altro aspetto dell'amicizia che distingue Plus da Facebook è Circles, uno strumento di organizzazione che consente agli utenti di mettere i propri contatti in gruppi. (Facebook ha anche aggiunto uno strumento di classificazione degli amici, ma non è ancora così funzionale.) Gli utenti possono quindi comunicare con un gruppo, ma non con un altro, o tutti i loro gruppi contemporaneamente, tra le altre opzioni. Su questo fronte Google+ vince alla grande. Tuttavia, l'attuale sistema per l'aggiunta di contatti rimane un affare disordinato. Le persone che non sono nemmeno membri di Plus (che, a questo punto, sono quasi tutti, a meno che tu non sia solo amico di giornalisti tecnologici) possono essere aggiunti alle tue cerchie. E ogni volta che hai più di un indirizzo email per qualcuno, quella persona appare più volte nel tuo elenco di contatti.

Google Plus Circles

Oltre a tutto ciò, gli utenti Plus possono creare un profilo utilizzando qualsiasi nome che preferiscono, che si discosta dalla politica del solo nome reale di Facebook. Anche se questo potrebbe essere liberatorio per alcuni, rende potenzialmente più difficile trovare la persona che stai effettivamente cercando.

Il disordine del sistema di contatti di Plus è probabilmente qualcosa che Google risolverà prima che il social network esca dalla beta. Ma le modifiche sono necessarie per mettere Plus alla pari con Facebook in questa categoria.

Vincitore: Facebook

Liberazione dei dati

Quando si tratta di avere il controllo sulle tue informazioni, Google prende facilmente Facebook al lavoro. Ciò è dovuto principalmente al nuovo strumento chiamato Google Takeout, lanciato insieme a Google+. Con Takeout, gli utenti possono scaricare tutti i dati che Google ha su di te, suddivisi in singoli servizi, inclusi Buzz, Contatti e cerchie, Profilo e streaming e Picasa Web Album. Le informazioni vengono archiviate e possono essere scaricate rapidamente come file .zip. Il tipo di file nella cartella dipende dal servizio da cui hai estratto i dati. (I file Buzz vengono salvati come documenti HTML, ad esempio.)

Google Takeout

Facebook consente inoltre agli utenti di scaricare i propri dati, comprese foto, post in bacheca ed elenchi di amici. Ma i file non vengono salvati in alcun formato che un altro sito potrebbe utilizzare, quindi potrebbe essere liberato, ma è anche quasi inutile.

Più significativo, tuttavia, è come Facebook sta rispondendo al lancio di Google+. Martedì, Facebook ha bloccato un'estensione di Chrome che consente agli utenti di importare i propri contatti di Facebook su Google+. Se questo non racconta l'atteggiamento di Facebook verso la liberazione dei dati, non sappiamo cosa lo sia.

Ad essere sinceri, la liberazione dei dati è un problema minore per il grande pubblico. E non è un argomento che Facebook né Plus vincerà o perderà il gioco sui social media. Ma quelli a cui importa ci importa molto. E per loro, Google+ dovrebbe essere posizionato sul piedistallo.

Vincitore: Google+

Notifiche

I sistemi di notifica per Google+ e Facebook sono notevolmente simili; entrambi ti dicono quando qualcuno commenta uno dei tuoi post, ti tagga in una foto o vuole essere tuo amico. Ma Google ha preso il sistema di notifica e ha fatto un ulteriore passo avanti con l'utilissima barra di notifica.

Notifiche di Google Plus

Situata nella parte superiore della pagina Plus (o di qualsiasi altra pagina di proprietà di Google), la barra delle notifiche consente agli utenti di vedere quando qualcun altro ha eseguito un'attività correlata a loro, proprio come le notifiche di Facebook. (Sebbene tutte le notifiche Plus siano mostrate sotto la stessa scheda, dove Facebook ha una scheda per i messaggi, una per le richieste di amicizia e una per altre attività.) Ma Google+ consente anche agli utenti di pubblicare nuovi post o commentare altri post, tutti dal barra di notifica. Ciò significa che se sei in Gmail e desideri pubblicare un'immagine che hai appena ricevuto, puoi farlo senza dover visitare un'altra pagina.

Niente di tutto questo per dire che il sistema di Facebook è cattivo. Non è. Non è così buono perché ci sono meno funzioni da apprezzare.

Vincitore: Google+

Bottoni

Un altro aspetto di Google+ che viene preso direttamente dalle pagine di Facebook è il pulsante +1. Simile al pulsante "Mi piace" di Facebook, +1 viene posizionato sui siti Web (come questo) e gli utenti possono fare clic sul pulsante come segno di approvazione.

Pulsante Mi piace di FacebookA differenza di +1, tuttavia, il pulsante Mi piace ha anche capacità di condivisione, in modo che tutto ciò che un utente di Facebook "piace" verrà visualizzato come collegamento nel suo feed. Finora, +1 non lo fa. Invece, tutto ciò che un utente Plus fa +1 è nascosto in una scheda +1 dedicata, accessibile principalmente attraverso la pagina del profilo Plus di quell'utente. In altre parole, il pulsante +1 è quasi inutile.

Pulsante Google Plus OneIl pulsante +1 appare anche su qualsiasi post o commento fatto su Google+ e funziona allo stesso modo del pulsante "Mi piace" sui post e sui commenti di Facebook. Ma considerando il potenziale di +1 come strumento per la condivisione di contenuti da tutto il Web, è quasi offensivo che Google abbia dedicato del tempo a implementare questa caratteristica irrisoria e non qualcosa di più prezioso.

Vincitore: Facebook

Fotografie

Le foto sono una parte importante del social networking; uno dei motivi principali per cui le persone arrancano nel processo di far parte di una rete al primo ritmo è guardare le foto di altre persone. Quindi il modo in cui un servizio gestisce le foto degli utenti può essere un problema.

Facebook è riuscito a trasformarsi nel più grande sito di condivisione di foto al mondo, rendendo impossibile definire la sua funzionalità fotografica negativa , di per sé. Ma non l'abbiamo mai trovato particolarmente piacevole da usare. Facebook, tuttavia, rende abbastanza semplice condividere le immagini o scaricarle sul tuo computer. E il caricamento è facile come ovunque.

Foto di Facebook

La funzionalità foto di Google+ è elegante e ha alcune caratteristiche chiave che mancano a Facebook. Ad esempio, gli utenti possono modificare le loro foto, come ruotare, ritagliare, aggiungere colori ed effetti, direttamente dall'album fotografico semplicemente facendo clic sulla scheda Azioni che appare nella parte inferiore di ciascuna immagine. Il visualizzatore di foto è anche molto più piacevole e occupa l'intero schermo. I commenti vengono visualizzati lungo il lato destro delle foto, il che rende possibile leggere e guardare l'immagine senza dover scorrere continuamente su e giù - una caratteristica di design che Facebook sarebbe saggio da rubare.

Foto - Visualizzatore di foto

Un'altra funzione fotografica che mette questa palla saldamente nel campo di Google sono i caricamenti da dispositivo mobile. Gli utenti della mela mobile Google+ (attualmente disponibile per Android, ma presto sarà diretta ai dispositivi iOS di Apple) possono caricare le immagini dal proprio smartphone mentre sono in movimento, e poi ordinarle in album una volta tornati al computer. È una funzione che ho trovato ti fa venir voglia di mettere le tue foto su Plus più che su Facebook. E quel tipo di comportamento dovrebbe far tremare Facebook.

Vincitore: Google+

Conclusione

Facebook rimane il più lucido e solido dei due social network. E a seconda del tipo di utente che sei, entrambe le opzioni potrebbero essere la scelta migliore, anche se Google+ ha vinto cinque delle otto categorie sopra elencate. In verità, dubito che l'utente medio avrà un account Facebook o un account Plus: avranno entrambi. Poiché Plus rende così facile condividere le cose con l'intera Internet, vediamo che diventare il social network "pubblico" di una persona (proprio come Twitter è oggi), mentre Facebook rimane prezioso per la connessione in privato. Quindi, anche se i due sono decisamente in competizione per la nostra attenzione, possiamo lasciare che trovino un modo per coesistere.