Flash Forward: come la mancanza di Flash dell'iPad potrebbe significare un disastro

Nessun flash per l'iPad

Quando Steve Jobs si è lasciato cadere su una sedia posizionata con cura per mostrare le capacità di navigazione sul Web del nuovo iPad "Internet nelle tue mani" mercoledì, un elefante bianco è salito sul palco con lui molto rapidamente. Una buona parte del sito del New York Times è apparsa come un mattone blu intonacato di punti interrogativi, un segno che gli utenti iPhone riconosceranno immediatamente come segnaposto per i contenuti Flash mancanti.

Ops. L'iPad non supporta uno dei formati di contenuto più potenti e onnipresenti sul Web.

Icona Adobe FlashNonostante un processore hotrod da 1 GHz che dovrebbe eseguire facilmente i contenuti Flash, soprattutto considerando che molti smartphone possono già farlo, Apple ha intenzionalmente snobbato il formato per mantenere le sue funzionalità simili a quelle delle app sotto chiave. Ciò significa che non c'è sempre il sole a Philadelphia da Hulu.com, niente episodi in streaming di Matlock da CBS.com, niente tirate di Eric Cartman su SouthParkStudios.com e niente giochi Web basati su Flash per gli utenti.

"Sembra che Apple stia continuando a imporre restrizioni sui propri dispositivi che limitano sia gli editori di contenuti che i consumatori", ha scritto Adrian Ludwig di Adobe dopo l'annuncio. "Senza il supporto di Flash, gli utenti di iPad non saranno in grado di accedere all'intera gamma di contenuti web, inclusi oltre il 70% dei giochi e il 75% dei video sul web".

Anche così, la società si rende conto del mercato potenziale da cui è stato intenzionalmente escluso e ha tentato di entrare. Sulla scia dell'annuncio, Adobe si è affrettata a sottolineare che il suo software Packager per iPhone consentirebbe agli sviluppatori Flash di far scorrere le loro applicazioni sull'iPad riconfezionandole come app, nello stesso modo in cui funziona per l'iPhone. È una soluzione alternativa intelligente, ma poiché gli sviluppatori devono prendere l'iniziativa di effettuare il porting, non è ancora equivalente a Flash sull'iPad.

galleria-software-ibooks-20100127Scott Alexander, senior editor di Playboy, ritiene che la mancanza di Flash rappresenterà un grosso ostacolo per l'iPad. "Una delle cose principali su cui si basa questo dispositivo è la navigazione in Internet." lui dice. “Usi Flash tutto il tempo come utente di Internet. Ci sono dei buchi in Internet quando cerchi di navigare senza di esso. "

Al di là di giochi e applicazioni, Alan Stoga, CEO dell'editore FLYP, ritiene che la mancanza di Flash potrebbe anche influire sulla reputazione dell'iPad come e-reader. "La sfida non è semplicemente rendere accessibili riviste e giornali su piattaforme digitali mobili con schermi decenti, ma rendere i loro contenuti disponibili in un vero formato multimediale", ha affermato. "Ciò richiede Flash o qualcosa di simile."

Anche se l'ondata iniziale di utenti potrebbe essere disposta a trascurare Flash per il momento, la continua crescita di popolarità del formato - Steve Jobs non poteva nemmeno evitare di imbattersi in esso nella sua demo - potrebbe far valere l'affermazione della Apple di mettere "Internet nel tuo mani "una vendita difficile col passare del tempo.