Amy Webb al SXSW 2013: come gli appuntamenti online sono solo un grosso problema di matematica

onling incontri big data awmy webb

Se la datazione fosse la gravità, Amy Webb sarebbe Isaac Newton: ha capito le formule del gioco fino al tee. O almeno spera. Quando ci sono milioni di datari online sul Web, potresti solo individuare tante caratteristiche che desideri in una persona prima che OKCupid, JDate e Match.com ti esplodano in faccia e sfornino tonnellate di ragazzi "buoni sulla carta" che sono nessuna corrispondenza per te nella vita reale. Allora come imbrogli il sistema?

Webb, autrice di "Data: A Love Story", ha tenuto un discorso ieri al SXSW 2013 su come ha deciso di trattare gli appuntamenti online nel modo in cui affronta i big data: se vuoi analizzare le cose fino a una corrispondenza estrema, devi inserisci criteri specifici e seleziona solo le opzioni che soddisfano o superano le tue esigenze. Il problema con gli appuntamenti online, dice, è che le domande che i siti web ti fanno generalmente non hanno importanza a lungo termine. "Non mi interessa se è un cane o un gatto", dice. “[Questi questionari] creano una significativa superficialità. Non sto cercando un amico di penna, sto cercando un marito. "

amy webb sxsw 2013Invece, Webb ha scoperto che quando ha ristretto le varianti esattamente a ciò che stava cercando in un amante, è stata in grado di creare un sistema di punti migliore per valutare potenziali date. “Qual è il suo approccio al lavoro? Viene dallo stesso background che provo io? Gli piace viaggiare, escluse le vacanze in nave da crociera? " Webb tenta di rispondere a tutte queste domande in base alla descrizione del profilo di una persona e contatterebbe solo le persone che hanno superato i 700 punti. Sembra estremo, ma aiuta a ridurre l'appuntamento schifoso e assicurarti di uscire con qualcuno con cui sei veramente compatibile sulla carta - e possibilmente anche di persona.

Ma poi le torna la domanda: e se non fosse quello che i ragazzi stanno cercando? Per dare un'occhiata dal punto di vista di un uomo, ha creato un falso profilo maschile per vedere le partite che avrebbe ottenuto se fosse il ragazzo perfetto. Ciò che ha raccolto dalla sua competizione è che queste ragazze spesso avevano scatti di profilo che includevano un sorriso naturale ad angolo dalla vita in su. Le descrizioni del profilo utilizzavano anche parole ottimistiche e suonavano conversative e leggere. Ha anche scoperto che le specifiche sono buone, ma non troppo specifiche. “È intrigante dire che ti piacciono i thriller psicologici, ma è strano dire che il tuo film preferito è The Human Centipede. "

Utilizzando le informazioni raccolte da centinaia di profili campione, Webb ha modificato il suo profilo per renderlo il più personalizzabile possibile, almeno qualunque cosa significhi secondo la sua ricerca. Il processo alla fine l'ha portata a incontrare Brian, un primo appuntamento che è durato 14 ore e una proposta durante il loro viaggio in Giordania. È un lungo viaggio e un esperimento che nessuno così ossessivo si sarebbe mai preso la briga di fare. Ma la lezione da questa esperienza selvaggiamente complicata? Webb consiglia di trattare i siti di incontri online come un enorme database. Non è compito dei siti web trovarti la corrispondenza perfetta, sta a te analizzare e trovare ciò di cui hai bisogno dai risultati.