Il frontman dei cracker si scaglia contro i bassi tassi di royalty di Pandora

pandoraPer molte persone, i servizi di musica in streaming sono la via del futuro. Dopotutto, danno all'ascoltatore l'accesso a un'intera libreria di musica che, in alcuni casi, include brani che altrimenti non acquisterebbero per un canone mensile sorprendentemente basso. Chi potrebbe dire di no a questo, potresti chiedere?

Bene, alcuni musicisti hanno suggerito che, se ti interessa davvero la musica, forse dovresti essere uno di quelli che preferiscono acquistare musica invece di abbonarti a un servizio online che lo trasmette direttamente al tuo dispositivo preferito. La colpa non è in realtà il sistema di distribuzione, spiegano, ma il livello di royalty che i servizi di streaming pagano in cambio della musica riprodotta. Un importo così piccolo che un servizio di streaming, Pandora, sta affrontando una causa che potrebbe costringerlo a pagare più soldi a musicisti e cantautori.

Ma, ci si potrebbe chiedere, quanto poco denaro sono musicisti ricevendo come parte della corrente, tasso di royalty controverso? È questo il caso del servizio di streaming che offre pochi soldi o che musicisti e cantautori sono avidi e vogliono troppo? Un musicista ha offerto una fine alla confusione rivelando esattamente quanto Pandora lo ha pagato per più di un milione di riproduzioni di una canzone che ha scritto durante un trimestre finanziario.

In un post sul blog Trichordist, David Lowery della band Cracker ha spiegato: “Come autore di canzoni, Pandora mi ha pagato 16,89 dollari per 1.159.000 ascolti di 'Low' lo scorso trimestre. Meno di quanto guadagno da una singola vendita di magliette. Va bene, è una leggera esagerazione. Sono solo le camicie a maniche lunghe multicolori premium e solo nei luoghi che non prendono commissioni. Ma comunque. "

Lowery prosegue spiegando che possiede solo il 40 percento dei diritti d'autore della canzone, "quindi in realtà l'importo pagato ai cantautori [solisti] si moltiplica per 2,5, o $ 42,25". Usando quei $ 42,25 come linea di base e andando sul numero di 1.159.000 riproduzioni, ciò si traduce in 0,003 centesimi per riproduzione su Pandora in termini di royalty del cantautore.

Per fare un confronto, Lowery ha anche condiviso i suoi diritti radiofonici. Dalla radio satellitare Sirius XM, ha ricevuto $ 181,94 per 179 ascolti, ovvero $ 454,85 ​​per gli autori unici, dato il 40% di proprietà di Lowery, o $ 2,54 in royalty di autore per riproduzione. Dalla radio terrestre (sia AM che FM), la canzone "Low" gli è valsa $ 1.373,78 per 18.797 ascolti. Ancora una volta, usando la regola del 40 percento, si arriva a $ 3434,45 per le royalty totali degli autori per il trimestre e 18,271 centesimi per riproduzione radiofonica.

“Ecco un'idea. Perché Pandora non si alza dal divano e ottiene un vero modello di business invece di chiedere un sussidio al Congresso e agli artisti? Ad esempio: in questo momento Pandora riproduce un minuto di pubblicità ogni ora sul suo servizio gratuito. Ecco un'idea! Riproduci due minuti di pubblicità e raddoppia le tue entrate! ", Aggiunge Lowery, prima di chiedere" a tutti i cantautori di pubblicare le loro dichiarazioni sui diritti d'autore e mostrare al mondo quanto siano terribili i tassi di webcast per i cantautori ".

In precedenti dichiarazioni in materia, Pandora ha affermato di "valorizzare e rispettare coloro che creano musica e cerca di pagare una tariffa equa per tutti gli artisti".