Come Steve Jobs ha cambiato tutto e cosa ci mancherà senza di lui

steve-jobs-apple-homepage-morte

Poiché l'intera industria tecnologica ricorda con affetto Steve Jobs, non posso fare a meno di temere per il suo futuro. Senza Steve Jobs, le industrie della tecnologia e dell'intrattenimento non sarebbero neanche lontanamente vivaci come lo sono oggi. E senza la sua capacità unica di realizzare nuove idee e spingere l'industria tecnologica dove deve andare, staremo tutti un po 'peggio. 

 The Onion potrebbe aver scherzato nella sua storia: "Last American Who Knew What The F ** k He Was Doing Dies", ma c'è un'aura di verità spaventosa nelle parole del giornale: "I lavori saranno ricordati sia per la vita- cambiando i prodotti che ha creato e per il fatto che è stato in grado di sedersi, pensare chiaramente ed eseguire le sue idee - attributi che ha condiviso con nessun altro cittadino statunitense " Questa è satira, ma potrebbe essere un po 'vera. 

Per guardare avanti, a volte è meglio guardare indietro. Ecco alcuni dei modi in cui Jobs ha cambiato il mondo negli ultimi 35 anni e alcune riflessioni su come il futuro sarà diverso, forse peggio, senza di lui.

Inventare il PC

steve wozniak steve jobsNel 1976, Jobs, insieme a Steve Wozniak, inventò il personal computer con l'Apple I e nel 1977 introdussero l'Apple II, che è stato salutato come uno dei primi veri PC. C'erano altri computer, ma lui solo immaginava un futuro in cui tutti potessero permettersi un PC e li usasse regolarmente. Ha sempre immaginato un computer facile da usare per la persona comune.

Con l'introduzione del Macintosh nel 1984, Jobs e Apple furono tra i primi a vedere il valore dell'interfaccia utente grafica e del mouse. Senza la sua visione, oggi non scriverei questo articolo su una macchina Windows. Gli utenti di tutti i sistemi operativi per computer devono qualcosa a Jobs. Senza di lui, forse non avremmo avuto affatto la rivoluzione dei PC, e supponendo che sia accaduta, chissà come sarebbe il mondo tecnologico per la gente comune oggi.

Ripensare l'industria cinematografica

Negli anni '90, Jobs è stato determinante nel rivoluzionare l'uso della computer grafica nei film. Attraverso il suo lavoro alla Pixar, ha stabilito nuovi standard per la CGI, ha aiutato a salvare il dipartimento di animazione della Disney, ha stabilito nuovi standard per quello che potrebbe essere un film per famiglie e ha creato lo studio cinematografico più acclamato dalla critica e dai maggiori incassi di sempre.

"Steve Jobs è stato uno straordinario visionario, il nostro carissimo amico e la luce guida della famiglia Pixar", hanno detto Lasseter e Catmull dopo aver sentito la notizia della morte di Jobs. “Ha visto il potenziale di ciò che la Pixar potrebbe essere prima di tutti noi, e al di là di ciò che chiunque avrebbe mai immaginato. Steve ha colto l'occasione e ha creduto nel nostro folle sogno di realizzare film animati al computer; l'unica cosa che diceva sempre era semplicemente "renderlo fantastico". È il motivo per cui la Pixar si è rivelata come abbiamo fatto noi e la sua forza, integrità e amore per la vita ci hanno resi persone migliori. Farà per sempre parte del DNA della Pixar ".

Come osserva Daniel Terdiman di Cnet in un'eccellente retrospettiva sul lavoro di Jobs alla Pixar, lo studio non è stato il primo a lavorare su CGI, ma è stata l'azienda che ha capito bene e ha insegnato a tutti gli altri come farlo. I film Pixars continuano a stabilire lo standard oggi. Sebbene collaborasse con la Disney, Jobs vide che la Pixar un giorno sarebbe potuta diventare più grande della Disney. Con film di successo come Toy Story , A Bug's LifeMonsters Inc. , in molti modi lo ha fatto.

steve-jobs-ed-catmull-john-lasseter-pixar

"L'impatto principale di Steve è stato sulla direzione strategica dell'azienda", ha affermato David Price, autore di The Pixar Touch . “Aveva l'intuizione cruciale che la Pixar un giorno avrebbe potuto essere la pari della Walt Disney Company nell'animazione. Ha trasformato questa visione in realtà supervisionando l'IPO delle azioni Pixar nel 1995, una settimana dopo l' uscita di Toy Story . Prevedeva che se avessero avuto quel capitale, avrebbe dato loro l'indipendenza per creare un corpus di opere e diventare un marchio che sarebbe diventato potente come la Disney nell'intrattenimento. È stato molto esplicito su questo. "

Quando la Disney ha acquistato la Pixar nel 2006 per 7,4 miliardi di dollari, i capi della Pixar John Lasseter e Ed Catmull hanno assunto l'intero dipartimento di animazione Disney e ora hanno un'influenza significativa su gran parte delle proprietà Disney, inclusa la progettazione di giostre nei parchi a tema. Al momento dell'acquisizione, l'unico avvertimento di Steve Jobs alla Disney era che non avrebbe dovuto trasformare la Pixar in una casa di sequel, e invece mantenere l'attenzione sulla qualità rispetto alla quantità. Nei cinque anni successivi, la Disney ha raddoppiato la produzione della Pixar a due film all'anno (ancora in fase di realizzazione) e lo studio sta lavorando a più sequel rispetto ai film originali. Cars 2 è stato il film con il punteggio più basso di sempre, da un punto di vista critico. Senza Steve, la Pixar cambierà Disney o la Disney cambierà Pixar?

Il negozio digitale

Anche con l'influenza di Steve Jobs, l'industria musicale continua ad attaccare ostinatamente alla distribuzione fisica e combattere nuovi tipi di distribuzione digitale, ma senza di lui, chissà dove saremmo. Nel 2001, dopo un mare di controversie su Napster e condivisione di file, Jobs presentò l'Apple iPod, un lettore MP3 completamente ripensato con un nuovo tipo di interfaccia. Due anni dopo, quando l'industria non disponeva ancora di una buona soluzione per il download di musica, Jobs introdusse il negozio di musica iTunes, che permetteva agli utenti di collegare i propri iPod direttamente ai computer e di accedere a una libreria di oltre un milione di brani. È stata la combinazione di hardware e software unici che ha finalmente dato ai consumatori un modo per acquistare e possedere migliaia di album senza dover portare con sé migliaia di CD fisici.

steve-jobs-ipod-holding

"Se si guarda al motivo per cui esiste l'iPod e perché Apple è presente in quel mercato, è perché queste grandi aziende giapponesi di elettronica di consumo che hanno inventato e posseduto il mercato della musica portatile non potevano concepire e implementare il software appropriato", ha detto Jobs a una conferenza AllThingsD nel 2007. “Perché un iPod in realtà è solo un software: software per l'iPod stesso, software su PC o Mac e relativo software nel cloud per il negozio. Ed è in una bella scatola, ma è un software. "

Senza la visione di Apple, un outsider del mercato musicale, è molto probabile che l'industria sarebbe in condizioni di gran lunga peggiori di quanto non sia oggi, ei consumatori potrebbero ancora essere bloccati con un mercato digitale frammentato in cui nessuno negozio ha accesso a un significativo libreria di musica. Peggio ancora, sebbene l'industria possa non essere riuscita a fornire modi semplici e legali per acquistare musica digitale, la RIAA potrebbe aver citato in giudizio ancora più downloader di musica illegali di quanto non abbia fatto. Con iTunes e l'iPod, Apple ha stabilito lo standard e senza di esso potremmo essere ancora sull'equivalente digitale dell'8 tracce. 

iTunes continua a stabilire lo standard per la distribuzione digitale oggi. Con l'introduzione di iPhone 4S e iOS 5, Apple lancerà un nuovo servizio chiamato iCloud, che consente agli utenti di archiviare tutta la loro musica nel cloud, liberandoli dal dover preoccuparsi di copiare o avere musica su ogni dispositivo che possiedono. È una grande idea e quella che Steve Jobs ha indubbiamente concepito. Quale grande idea perderanno i fan della musica ora che se n'è andato? Ci sono una serie di problemi che devono affrontare i contenuti digitali negli anni a venire e ora al settore manca l'unico uomo che potrebbe essere in grado di dare un senso a tutto ciò. 

Reinventare il telefono e liberare l'app

Come spesso sembra essere il caso, quando ho sentito parlare per la prima volta dell'iPhone, non sembrava affatto rivoluzionario. "È solo un iPod Touch con segnale cellulare", ho pensato. La mia vista era miope e mi sono subito messo in fila. Con l'iPhone, Apple ha debuttato il primo smartphone veramente user-friendly e con l'App Store ha sbloccato il processo di acquisto di contenuti dalle mani degli operatori wireless, che abusavano sia dei consumatori che degli sviluppatori di contenuti. Prima dell'iPhone, i feature phone e gli smartphone avevano app store che raggiungevano solo da 200 a 500 app. Gli utenti hanno avuto difficoltà a trovare, installare e utilizzare le app perché i gestori wireless controllavano la distribuzione sui propri portali Internet.

I gestori wireless controllavano tutto:

  • I vettori prendevano in anticipo tra il 40 e il 60 percento delle entrate dagli sviluppatori
  • I vettori sono stati sovraccaricati per le app (da $ 5,99 a $ 12,99 erano normali)
  • I vettori hanno trasformato le app in abbonamenti (addebitando agli utenti $ 2,99- $ 4,99 al mese senza alcun piano per aggiungere nuovi contenuti)
  • I vettori controllavano il posizionamento delle app (nessuna app poteva vendere a meno che non fosse nella categoria "In primo piano" di un negozio)
  • I vettori rifiuterebbero le app degli sviluppatori dopo aver speso migliaia di euro per lo sviluppo e il porting su centinaia di telefoni
  • I vettori taglierebbero rapidamente le app dal negozio se le vendite non fossero all'altezza
  • I vettori rifiuterebbero le app che non avevano un potenziale di marchio
  • Le società di porting addebiterebbero decine di migliaia di dollari per trasferire un'app su migliaia di telefoni 

Ho visto questo brutto sistema funzionare da vicino quando lavoravo come valutatore di app presso un'azienda che faceva da mediatore tra operatori e sviluppatori di app. I vettori ci vedevano come un luogo in cui inserire sviluppatori più piccoli con cui non volevano lavorare direttamente e gli sviluppatori ci vedevano come un ostacolo per raggiungere i vettori. La vita non è sempre fantastica come uomo di mezzo. Grazie all'iPhone, l'industria dei contenuti mobili non ha più bisogno di intermediari. Chiunque abbia un'idea può sviluppare e pubblicare un'app sull'App Store o su uno qualsiasi dei negozi concorrenti in fiore come l'Android Market. E poiché Apple ha spinto le app, il numero di persone che scaricano app è passato da circa il 5% al ​​95% (o più). 

steve-jobs-holding-iphone

Tutto questo minimizza il successo di Apple con il design hardware. Grazie all'iPhone, ogni smartphone della concorrenza sul mercato ha ora un ampio touchscreen e un'interfaccia user-friendly. Persino Microsoft, che per anni si è basata sulla sua schifosa piattaforma Windows Mobile, ha completamente reinventato il suo software in risposta all'iPhone e al concorrente che ha generato: Android di Google. Senza Steve Jobs, sono convinto che l'industria della telefonia sarebbe ancora un completo disastro in questo momento, con grandi aziende come Nokia e RIM sedute sui loro profitti e nessuno che metta lo sviluppatore o il consumatore al primo posto. Quali innovazioni future rimarranno inutilizzate ora che Jobs non c'è più? Quali idee c'erano nella testa di Steve? Forse un telefono olografico? Un iPhone nano che puoi indossare come orologio? Jobs sapeva già cosa sarebbe successo dopo la rivoluzione del tocco? 

Mettendo giochi ovunque

Sono sempre stato un fan di Nintendo, ma Steve Jobs sta distruggendo anche il suo modello di business. Grazie all'enorme accessibilità dell'App Store, gli utenti di smartphone sono diventati grandi giocatori. L'iPhone è un dispositivo di gioco capace e ha creato un mercato in cui i giochi possono costare da 40 a 60 volte meno di quanto non facciano su console per videogiochi e palmari, come le console Nintendo Wii e 3DS. Diavolo, alcuni giochi sono completamente gratuiti. Nintendo, che si è guadagnata da vivere vendendo software premium sul suo hardware proprietario (proprio come Apple), ora sta lottando per competere. Voglio che Nintendo abbia successo, ma per avere successo dovrà adattarsi e innovare per contrastare l'attacco laterale di Apple. Questa lotta fa bene a tutti. L'industria dei videogiochi prospererà grazie alla sua portata ampliata e alla gamma più ampia di tipi di giochi.Anche i produttori di software traggono vantaggio dal concetto di App Store, ma nessuno ne beneficia tanto quanto i consumatori. Senza di lui, potrebbe un gioco comeAngry Birds è mai diventato popolare come Tetris ?

Ricablaggio del PC

Con l'iPhone un successo e gli utenti che lo conoscono, Jobs ha lanciato la sua più grande scommessa con l'introduzione dell'iPad nel 2010. Eliminando la tastiera e introducendo il touchscreen, l'iPad ha preso spunto dagli smartphone invece che dai PC. Microsoft aveva provato a introdurre i tablet touchscreen per più di un decennio, ma non era riuscita ogni volta in esecuzione (provare a utilizzare Windows 7 su un touchscreen - è terribile). Apple ha creato un mercato completamente nuovo dove prima non ce n'era. Solo quest'anno ha venduto più di 40 milioni di iPad 2. Aumentando le vendite dei suoi laptop MacBook, anche grazie al successo del MacBook Air, Apple è ora il produttore di PC numero uno al mondo quest'anno. Gli effetti sul mercato dei PC hanno solo cominciato a farsi sentire, ma saranno diffusi. Alcuni chiamano gli effetti "Apple Shock."I produttori concorrenti sono costretti a riprogettare, ripensare e riprogettare completamente tutto ciò che producono.

steve-jobs-holding-ipad-severamente

Grazie all'iPad e all'iPhone, i PC avranno presto tutti i touchscreen, funzioneranno su unità a stato solido più veloci, avranno una durata della batteria molto migliore, funzioneranno su più sistemi operativi (Android di Google sta aumentando rapidamente), saranno più connessi e hanno servizi come il GPS e saranno anche più belli. Puoi leggere questo in un articolo che ho scritto ad agosto su come smartphone e tablet stanno plasmando il tuo prossimo PC. Tutto ciò che riguarda il PC sta per fare un enorme balzo in avanti, sia che tu stia utilizzando Android, iOS, OS X, Windows o qualsiasi altra cosa, ed è a causa del lavoro che Steve Jobs ha fatto e delle idee su cui ha eseguito in OS X e dispositivi iOS. Grazie a lui, i computer cambieranno e miglioreranno moltissimo nei prossimi anni. Ma cosa succede dopo? Steve aveva in programma di unire iOS con OS X? Aveva un piano Post-Post-PC?

La vita dopo Steve

Non sono mai stato un grande utente Apple. Sono cresciuto con i PC, ancora non mi interessa iTunes e ho un telefono Android, ma senza Steve Jobs il mondo tecnologico sarebbe molto peggio e molto più noioso. Negli ultimi 35 anni, Steve Jobs ha completamente reinventato e migliorato quasi tutte le mie cose preferite. Senza di lui, il modo in cui viviamo computer, telefoni, videogiochi, musica, film e quasi tutto il resto non sarebbe neanche lontanamente buono come lo è oggi. Ci ha lasciato alcuni chiari percorsi in avanti, ma senza un visionario autorevole come Steve Jobs, non c'è modo che i prossimi 35 anni saranno neanche lontanamente fantastici come potrebbero essere se fosse ancora con noi. Non ti ho mai incontrato, ma mi mancherai, signor Jobs.