L'era della creazione del proprio PC sta finendo?

per quanto tempo saremo in grado di costruire pc mortiLa scorsa settimana, Intel ha sollevato le sopracciglia rivelando i piani per uscire dal business delle schede madri desktop nei prossimi tre anni. Mentre aziende come Asus, Gigabyte, EVGA e MSI possono riprendersi, la posizione di Intel come produttore di chip per PC dominante rende la mossa portentosa. Dopo tutto, se Intel non pensa che il business dei desktop valga il suo tempo, chi lo farà? L'era del computer desktop - e dell'assemblaggio dei nostri sistemi - sta andando verso i libri di storia?

All'inizio…

Scheda madre Intel DX79SR

Intel ha avuto un ruolo importante nelle schede madri dei PC per decenni, ma all'inizio non c'era. Apple ha illuminato il mercato dei personal computer alla fine degli anni '70, ma i progetti IBM per PC, XT e AT hanno avuto la meglio perché il loro unico componente proprietario era il software BIOS, che altre società hanno prontamente decodificato. Sono nati i cloni di PC e quasi tutti hanno copiato le schede madri AT di IBM perché alcune parti potevano essere aggiornate senza acquistare un computer completamente nuovo.

Poi è arrivata Intel. A metà degli anni '90 Intel era un importante produttore di computer , creando cloni di PC per dozzine di aziende. Le schede basate su AT erano uno standard de facto , ma Intel ha portato avanti le cose con un nuovo design "ATX", caratterizzato da punti di montaggio standard, connettori, dimensioni e pannelli delle porte. Intel ha sviluppato il design ATX a proprio vantaggio, ma la sua importanza ha superato il business dei PC di Intel.

"L'impatto di ATX è stato enorme", ha scritto un ex ingegnere Intel che ora lavora nel settore non profit. "ATX era più economico e rimuoveva la maggior parte dei punti deboli di AT, ma permetteva anche a chiunque di aggiornare o costruire computer autonomamente da parti di serie."

I rocker e le mod

Intel NUC (in mano)

In pochi anni, la scheda ATX (ei suoi discendenti come Micro ATX, Mini ATX e persino Extended ATX) portarono i PC fai-da-te al mainstream. Per quasi 20 anni, gli utenti esperti sono stati in grado di trovare una scheda madre con le funzionalità (e il BIOS) che desiderano, inserire una CPU compatibile in un socket, acquistare un case interessante, inserire un alimentatore, quindi aggiungere precisamente le unità, la grafica , schede di espansione e memoria che gradiscono. È geniale, ma non richiede altro che un cacciavite e di solito è più economico di un PC di serie.

Ma il mondo del desktop computing sta cambiando. Le prime pressioni sono arrivate dai notebook, ora sono smartphone e tablet. IDC ha rilevato che le consegne di PC tradizionali sono diminuite del 6,4% in tutto il mondo nel 2012. Abbandonando le schede madri desktop, Intel non vede i computer desktop andare via, ma li vede diventare più piccoli.

"Il talento interno [di Intel] e l'esperienza ventennale nel settore delle schede madri ... vengono ridistribuiti per affrontare i nuovi fattori di forma emergenti - desktop e mobile", ha scritto il portavoce di Intel Daniel Snyder in una dichiarazione ai partner.

Finora, l'unico esempio è il progetto Next Unit of Computing (NUC) chiamato in modo strano. I NUC misurano solo quattro pollici quadrati ma dispongono di processori moderni, grafica HD e persino mini slot di espansione. I NUC possono realizzare video HD, ma non c'è modo di installare una grafica migliore o aggiornare la CPU.

Non puoi farlo a modo tuo

Apple Phil Schiller ottobre 2012 Design degli interni iMac

I nuovi fattori di forma desktop seguono un mercato che valuta piccolo, economico e silenzioso rispetto a quello grande e personalizzabile, ed è una cattiva notizia per i PC fai-da-te. Gli slot di espansione e gli alloggiamenti per unità sono stati i primi ad essere installati: diamine, possono rendere i computer così grandi da stare a malapena sotto le scrivanie. I produttori di computer hanno quindi ridotto ulteriormente le cose inserendo funzionalità come grafica, rete, USB e audio direttamente sulle schede madri.

I PC più piccoli sono fisicamente più difficili da accedere: entrare in un PC con fattore di forma ridotto può richiedere la destrezza (e anche gli strumenti) di un gioielliere. Ancora più importante, ci sono pochi utenti che possono cambiare sui PC costruiti su schede madri minuscole e ricche di funzionalità. La maggior parte dei componenti sono saldati, quindi non possono essere scambiati o aggiornati. E senza slot di espansione, non è possibile (ad esempio) installare grafica in grado di gestire giochi per PC con frame rate elevato o aggiungere connettività USB 3.0 per backup veloci.

Il risultato? I desktop tradizionali stanno facendo la stessa cosa di notebook, tablet e smartphone senza nulla a cui è possibile accedere, personalizzare o aggiornare. In effetti, Apple è già lì: la RAM nell'attuale iMac da 21 pollici è saldata sulla scheda madre e nemmeno il disco rigido può essere sostituito. Dove va Apple, altri produttori di PC sembrano seguire.

I giocatori giocheranno

tempesta digitale

E la fascia alta? Nonostante alcuni lodevoli sforzi, Intel non è mai stata un grande attore nel mercato dei gamer e dei PC boutique, ei produttori di PC di fascia alta non sembrano preoccupati che Intel lasci il business delle schede madri.

"Asus e Gigabyte costituiscono la maggior parte delle vendite di schede madri di fascia alta", ha osservato Eddy Piedra, specialista di marketing di OriginPC, tramite e-mail. "Non riteniamo che la partenza di Intel avrà davvero un impatto così grande sul mercato".

"L'annuncio di Intel di uscire dal mercato delle schede madri ha un impatto minimo o nullo sulla nostra attività", ha osservato Harjit Chana, Chief Operations & Marketing Officer presso il produttore di PC di fascia alta Digital Storm. "Riteniamo che i marchi di terze parti offrano soluzioni competitive con funzionalità che rispondono in modo specifico alle esigenze dei clienti appassionati e di gioco".

Intel continuerà a offrire progetti di riferimento del fattore di forma come progetti funzionanti per schede madri desktop, ma le schede madri basate su ATX rischiano di diventare un ripensamento una volta che Intel smette di vendere schede proprie.

"Senza feedback provenienti dal proprio prodotto e da aziende come la nostra che utilizzano i loro prodotti, il lato delle innovazioni potrebbe rallentare", ha osservato Piedra di OriginPC. “Una cosa è fornire un feedback al produttore di una scheda madre e un'altra è fornire il feedback al progettista di chip. Ma siamo fiduciosi che gli altri partner del consiglio continueranno a realizzare prodotti di qualità come hanno sempre fatto ".

Linea di fondo

I giocatori e i professionisti che spendono un sacco di soldi sui loro impianti dovrebbero essere in grado di combinare attrezzature per il prossimo futuro, ma le cose non sono così chiare per gli utenti di tutti i giorni.

Oggi, le persone informate possono costruire sistemi economici utilizzando schede madri derivate da ATX e parti standard. Quelle schede madri - e le parti di cui hanno bisogno - diventeranno prodotti sempre più specializzati e insoliti man mano che il computing mainstream si sposta ulteriormente verso desktop compatti e dispositivi mobili. Ciò significherà un minor numero di produttori di schede madri, prezzi più alti ... e l'era dei PC economici e fai-da-te sta lentamente volgendo al termine.