Come Netflix diventerà la più grande rete del mondo

unogs del sito Web consente agli utenti di sfogliare il catalogo globale di Netflix in streaming arancione è nuovo neroCon 65 milioni di abbonati e il conteggio, Netflix è passato da un piccolo programma di posta DVD a un nesso video di proporzioni senza rivali in soli otto anni. Dopo aver annaspato all'inizio del decennio, Netflix ha acceso i postbruciatori, trasmettendo in streaming più di 3 miliardi di ore di video ogni mese e ribaltando l'intera industria dell'intrattenimento nel processo.

Ma Netflix è più di un semplice video streamer in questi giorni. L'azienda è cresciuta così rapidamente che ora eclissa le reti televisive tradizionali sia in popolarità che in orari di visione, e la sua traiettoria la sta mandando dritta negli occhi dell'uragano HBO. Seguici di seguito per vedere come Netflix è passato da parassita a predatore nel panorama televisivo, tracciando un percorso per diventare la più grande rete di intrattenimento al mondo.

Dominazione video

Il modo più semplice per capire quanto sia diventato grande Netflix è entrare nei numeri.

La società di ricerca FBR Capital Markets riporta (per Variety) che, quando si tratta di ore effettive guardate, Netflix è già alla pari con ABC e NBC e supererà CBS e Fox l'anno prossimo. Sebbene il confronto sia in qualche modo imperfetto perché il rapporto non ha tracciato gli ultimi sette giorni di visualizzazione di VOD e DVR, secondo quanto riferito, gli utenti di Netflix hanno guardato l'incredibile cifra di 10 miliardi di ore di streaming video nel solo primo trimestre del 2015. Netflix supera già tutte le reti concorrenti nella visualizzazione anche quando si tratta di un pubblico più giovane, compreso l'importante fascia demografica di 13-49 anni. E forse la cosa più significativa, quando FBR ha chiesto alle persone di scegliere tra Netflix e cavo / satellite, il 57% ha scelto Netflix.

Quando si tratta di orari di visione, Netflix è già alla pari con ABC e NBC, e l'anno prossimo eclisserà CBS e Fox.

Sebbene Netflix non corrisponda ancora ai quattro grandi nella spesa per i contenuti, l'attuale budget dell'azienda di circa $ 2 miliardi all'anno è superiore a Starz, Showtime e HBO. Ma forse il numero più impressionante è l'enorme quantità di larghezza di banda Internet che Netflix occupa. La società di ricerca Sandvine riferisce che lo streaming di Netflix ha rappresentato un record del 36,5% di tutta la larghezza di banda Internet in Nord America nelle ore di punta di maggio, un numero che è aumentato costantemente negli ultimi anni.

Per metterlo nel contesto, Netflix consuma più del doppio della larghezza di banda del suo prossimo più grande rivale, YouTube, che si attesta a circa il 15,6%. E per coloro che si chiedono come siano riusciti i cosiddetti rivali di streaming dell'azienda, non è nemmeno una lotta leale: Amazon e Hulu hanno rappresentato un misero 2 percento ciascuno. Netflix ha perfezionato l'arte dello streaming, trasmettendo i suoi archivi a milioni di persone con pochissimi intoppi, grazie in parte alla creazione del proprio CDN (rete di distribuzione dei contenuti) per consentire agli spettatori di indirizzare i contenuti direttamente alla fonte.

Non è stato sempre così, ovviamente. Ricordi alla fine degli anni '90 quando Netflix era sinonimo di vendita per corrispondenza?

streaming netflix

Netflix

Il cambiamento di rotta dell'azienda da fornitore di DVD a sportello unico per film e TV in streaming istantanei è stato sbalorditivo e la sua trasformazione è aumentata solo negli ultimi anni.

Nel dicembre 2012, Netflix ha lanciato la sua prima serie originale, Lilyhammer , seguita da vicino da House of Cards due mesi dopo. Quest'anno ha portato a casa il primo Primetime Emmy Award in una categoria importante per un servizio di streaming quell'anno. Da allora, Netflix ha scatenato uno tsunami di contenuti originali e con licenza, è passato all'acquisizione e distribuzione di film a tutti gli effetti e si è espanso a livello internazionale a un ritmo aggressivo.

Un nuovo tipo di rete

Con un catalogo apparentemente infinito di film e titoli TV tra cui scegliere, tutti senza pubblicità, è facile capire perché gli spettatori trascorrono così tanto tempo a vagare per le sale di Netflix. Ma Netflix ha fatto di più che creare un nuovo modo di guardare, ha creato un tipo di rete completamente nuovo.

Offrendo stagioni complete di spettacoli per gli utenti con cui abbuffarsi a loro piacimento, Netflix non solo ha creato una forma di intrattenimento avvincente che tiene gli spettatori legati ai loro divani, ma ha anche contribuito a promuovere contenuti episodici di lunga durata. Stabilire tutte le carte in una volta per ogni stagione ha sostanzialmente eliminato il temuto cliffhanger settimanale, consentendo anche agli spettatori di seguire più facilmente trame più profonde e dimensionali che hanno più difficoltà a prendere piede nel paradigma delle serie TV tradizionali delle uscite settimanali.

Netflix ha guadagnato la reputazione di baluardo di progetti cinematografici che i principali studi non avrebbero o non potrebbero accettare.

Prendi A rrested Development, per esempio, probabilmente una delle commedie più popolari della sua epoca, eppure è stata cancellata dalla Fox dopo appena tre stagioni. A parte l'argomento "è troppo bello per durare", una teoria valida sul motivo per cui AD non ha preso piede alla Fox era che il suo stesso trucco era destinato allo streaming. Le battute in corso dello show, le trame intrecciate ei personaggi profondamente disegnati non erano facili da seguire nel formato settimanale, ma sono sbocciati nel mondo delle abbuffate. Anche altri spettacoli, come The Killing , It's Always Sunny in Philadelphia e persino Breaking Bad hanno ricevuto una spinta dallo streaming, contribuendo a guidare la loro popolarità sulle rispettive reti.

Prendendo ciò che l'azienda ha appreso dalla TV in streaming dal passato e applicando questo metodo a tutte le sue nuove serie originali, Netflix ha cambiato ulteriormente il gioco. In confronto, mentre HBO ha iniziato a entrare in streaming, il CEO Richard Plepler si è fatto beffe di aver abbandonato le versioni in serie, sostenendo che il processo di attesa dei fan aiuta a creare suspense settimana dopo settimana. Ed è difficile discutere con il tasso di successo di HBO, mantenendo le persone impegnate con quelle stesse storie di lunga durata, anche attraverso la barriera della cosiddetta "visualizzazione degli appuntamenti".

Sviluppo arrestatoL'uccisioneC'è sempre il sole a PhiladelphiaBreaking Bad
  • 1. Sviluppo arrestato
  • 2. L'uccisione
  • 3. C'è sempre il sole a Philadelphia
  • 4. Breaking Bad

Ma anche se gli spettatori sono disposti e in grado di seguire trame di lunga durata come Game of Thrones o True Detective in forma seriale, è difficile non vederlo come un archetipo che invecchia. Costringere gli spettatori ad aspettare sette giorni per il prossimo spettacolo rimuove l'autonomia di poter guardare quello che vuoi, quando vuoi, qualcosa che ha reso lo streaming così popolare rispetto alla TV tradizionale. E siamo ancora agli albori dello streaming: offrire agli spettatori meno scelte è qualcosa che le reti fanno a proprio rischio e pericolo.

Ovviamente, non è solo il modo in cui guardiamo Netflix a renderlo una rete così innovativa, ma anche ciò che guardiamo. Dopo essersi fatto un nome con le stagioni dell'anno scorso e decenni di programmazione e film passati, Netflix è diventato rapidamente una forza da non sottovalutare nel mondo dei contenuti originali. E gran parte del merito su questo fronte può essere attribuito a un uomo.

Ted Sarandos è un boss

Se non sei nel mondo dell'intrattenimento, potresti non conoscere il nome Ted Sarandos, ma come Chief Content Officer per Netflix, ci sono buone probabilità che il dealmaker di Hollywood abbia influenzato il modo in cui guardi la TV in qualche modo. All'inizio degli originali Netflix, intorno al 2013, Sarandos ha dato una risposta molto citata quando gli è stato chiesto dei piani di HBO per passare allo streaming. "L'obiettivo è diventare HBO più velocemente di quanto HBO possa diventare noi", ha scherzato Sarandos - e oh come hanno riso. Non stanno più ridendo.

Da un obiettivo ambizioso di cinque nuove serie originali all'anno nel 2013, Netflix è ora in grado di raggiungere il nuovo obiettivo di 20 all'anno e oltre. A partire da ora, THR riferisce che Netflix ha accumulato ben 475 ore di contenuti originali, inclusi 16 drammi e commedie, 12 commedie speciali, ben 17 spettacoli per bambini, 9 documentari e 3 serie di documentari. E i nuovi titoli in lavorazione per il servizio ammontano a più delle due reti via cavo più prolifiche, HBO e FX.

Va tutto bene, ma non funziona senza una programmazione di qualità. Fortunatamente, la popolarità e il plauso della serie originale di Netflix (inclusa House of Cards, ovviamente), ha creato un luogo attraente per alcuni dei migliori narratori, attori e registi di Hollywood. Ciò ha aiutato il marchio a eccellere con commedie rivoluzionarie come Unbreakable Kimmy Schmidt , acclamati "film drammatici" come Orange Is the New Black , e la prima di una partnership a più livelli con i Marvel Studios, Daredevil .

Come ogni rete, Netflix ha sicuramente avuto la sua giusta dose di disgrazie, comprese recensioni marginali per nuove serie come Grace e Frankie , e persino Bojack Horseman all'inizio, ma i successi l'hanno resa una destinazione per grandi talenti. Inoltre, gli originali Netflix aiutano il marchio a raggiungere il suo obiettivo di possedere i contenuti più esclusivi, dando agli utenti più motivi per continuare a pagare quella quota di abbonamento mensile.

TrasparenteAmazon trasparente

Ovviamente, Netflix non viene eseguito senza opposizione da altri streamer: Amazon si sta muovendo nel mondo degli originali, incluso il film acclamato dalla critica Transparent, che ha contribuito a raccogliere il servizio con il suo primo Emmy annuisce quest'anno. Ma considerando la sua quota di mercato al momento, Amazon è un punto nello specchietto retrovisore e semplicemente non può competere.

E il diluvio di nuove serie in cantiere non è abbastanza per Sarandos o Netflix. Dopo essersi dimostrata più che abile nel navigare nelle acque della programmazione originale, la società ha affondato gli artigli più a fondo nell'epicentro di Hollywood per diventare uno studio cinematografico in buona fede.

Rinascimento del film indie

I poteri dell'industria cinematografica hanno imparato una lezione dalle loro controparti in TV quando si tratta di sottovalutare il piccolo streamer rosso che potrebbe. Grazie a Sarandos, Netflix si è guadagnata la reputazione di luogo in cui portare progetti che i principali studi e altri distributori non avrebbero, o non avrebbero potuto, distribuire simultaneamente, in tutto il mondo. Entrano i cari indie, i fratelli Duplass.

Netflix crede di avere il potere di fare qualcosa che nessun altro distributore cinematografico ha osato provare.

È stato con poca fanfara che Netflix ha firmato un contratto per quattro film al Sundance film festival di quest'anno con Mark e Jay Duplass, due registi fai-da-te che hanno guidato una sorta di rinascita nel mondo indie. La maggior parte delle persone probabilmente conosce Mark Duplass come attore di serie come The League e HBO's Togetherness , ma lui e suo fratello sono diventati anche degli eroi per la produzione, la scrittura e la regia di film unici come Safety Not Guaranteed e Creep .

In una recente intervista con Wired, Mark ha spiegato perché Netflix sta diventando una casa per grandi film indipendenti senza nessun altro posto dove andare. "Non tutti i film sono film per cui vuoi spendere $ 14 ...", ha detto Duplass. “ The One I Love è uscito nelle sale per gli appassionati e ha fatto un bel po 'di affari su VOD. Ma quando ha iniziato lo streaming su Netflix, è esploso. Stessa cosa con Sicurezza non garantita . Mi sto avvicinando a questo modello. " Con Netflix dietro le quinte, i ragazzi di Duplass hanno capito come realizzare film di qualità a buon mercato e metterli di fronte a milioni di spettatori, il tutto senza il supporto di uno studio importante.

E firmare i fratelli Duplass è solo uno dei tanti accordi che Netflix ha fatto di recente, prendendo l'iniziativa di acquisizioni di film d'autore come il film di guerra con Idris Elba, Beasts of No Nation , così come immagini più grandi come The Ridiculous Six di Adam Sandler. , Big Holiday di Pee-Wee, prodotto da Judd Apatow , e persino War Machine di Brad Pitt , che la società ha acquistato per 30 milioni di dollari.

Precedente Successivo 1 di 6 Quello che amoThe One I Love Sicurezza non garantitaSafety Not Guaranteed Bestie di nessuna nazioneBeasts of No Nation I ridicoli seiThe Ridiculous Six La grande vacanza di Pee-WeePee-Wee's Big Holiday Tigre accovacciata, drago nascosto: la leggendaCrouching Tiger, Hidden Dragon: The Legend

Anche Netflix non ha paura di giocare a Disruptor. Il servizio prevede di rilasciare il suo nuovo sequel Crouching Tiger, Hidden Dragon: The Legend  in IMAX e in streaming nelle case allo stesso tempo, distruggendo la sacra finestra di rilascio dei cinema. La mossa ha portato le principali catene di teatri a boicottare l'uscita, così come un piano simile per l'uscita simultanea di Beasts of No Nation , che ha appena ottenuto una data di uscita per ottobre attraverso Landmark Theatres. Come puoi immaginare, Amazon sta pianificando la propria corsa nel mondo del cinema, prendendo di mira fino a 12 film all'anno. Il brand è rimasto fuori dalla rissa teatrale, scegliendo però di aspettare un paio di mesi per trasferire i suoi film dal teatro alla tv.

Non è chiaro quale parte si tirerà indietro per prima nel gioco del pollo al cinema: Netflix, o l'industria del teatro multimiliardaria. Ciò che è chiaro è che Netflix crede di avere il potere di fare qualcosa che nessun altro distributore cinematografico ha osato provare.

... domani, il mondo

Il titolo Netflix è salito alle stelle negli ultimi mesi, in parte a causa della crescita degli abbonati migliore del previsto e dell'espansione internazionale. Netflix si è espansa dal suo paese d'origine in tutto il mondo, piantando bandiere in tutta Europa occidentale, Australia e Nuova Zelanda e America Latina, con l'intenzione di trasferirsi in Giappone, Cina e India. La società ha fissato obiettivi estremamente ambiziosi anche per il prossimo futuro, incluso lo sbarco in "200 paesi entro il 2016", con una crescita prevista degli iscritti per un totale di 180 milioni entro il 2020.

È anche importante capire che l'azienda ha una strategia chiara e intrecciata per dominare il settore: la spinta febbrile per i contenuti originali è direttamente collegata all'obiettivo generale dell'espansione globale. Come ha spiegato Ted Sarandos in una recente intervista presso la Televisions Critics Association (TCA) di quest'anno, possedere una propria programmazione consente a Netflix di attraversare più facilmente i confini, senza le complicazioni di difficili negoziazioni contrattuali per i contenuti concessi in licenza da altri fornitori. E l'espansione globale è quasi necessaria per Netflix per superare i suoi margini di profitto relativamente bassi e arrivare al livello successivo.

Non appena Netflix è esploso sulla scena, il servizio ha ancora del lavoro da fare se vuole ribaltare completamente i rivali che esistono da decenni. Tuttavia, con un assalto su tutti i fronti, inclusa la creazione e la spesa eccessiva dei suoi rivali in streaming e via cavo per i contenuti, compiendo importanti passi nella distribuzione dei film e costruendo la propria infrastruttura di streaming, Netflix è in un campionato a parte. Non c'è dubbio che la strada sarà accidentata, ma per Netflix questo è solo l'inizio.