In che modo lo streaming aiuta OAR a diffondere la propria marmellata

L'Audiofilo: Chris Culos di OAR

"Lo streaming porta nuove persone agli spettacoli per scoprire nuova musica."

Se vuoi sapere come una band moderna può coltivare con successo una base di fan sempre più fedele e di vasta portata nel mercato della musica frammentato e frammentato di oggi, non devi guardare oltre OAR Questi titani della jam band hanno da tempo capito come abbracciare la comunità che li segue incoraggiando la registrazione e il trading fin dall'inizio, uno dei tanti motivi per cui gli OAR hanno sbalordito la scena musicale quando la band di OSU (attraverso Rockville, Maryland) ha fatto il tutto esaurito al Madison Square Garden nel 2006.

Per celebrare due decenni di successi crescenti, gli OAR (che giustamente sta per Of A Revolution) hanno rilasciato il doppio album XX . , disponibile in più formati da Vanguard. I contenuti di XX sono divisi tra la band e i brani in studio preferiti dai fan (il sincero richiamo della Pace , il sapere quando piegare la beatitudine di That Was a Crazy Game of Poker ), un intero disco di materiale dal vivo e due nuove energiche tracce in studio, Follow Me, Follow You  and I Go Through , quest'ultima scritta in tempi ristretti per una nuova serie di Qello concent, Evolution of a Song .

"È difficile da esprimere a parole, ma è sempre sembrato che questo fosse il nostro percorso", ha ammesso il batterista degli OAR Chris Culos a Digital Trends. “Mi è subito sembrato che questo fosse ciò che volevamo fare come band e siamo stati in grado di crescere in un modo che potevamo sostenere. Guardando indietro, è stato un successo notturno di 20 anni. Al contrario di ricevere una canzone alla radio, farla diventare subito la numero 1 e poi forse non sapere come affrontarla come artista e come azienda ".

Durante una recente pausa del tour - un evento apparentemente raro per questi cacciatori di strada esperti - Culos ha chiamato Digital Trends per discutere di Evolution of a Song , come si integra il ruolo del batterista nel processo di scrittura delle canzoni e come utilizzare i dati di streaming per costruire il marchio di una band.

Tendenze digitali: mi è piaciuto molto vedere Marc Roberge [il capo cantautore e cantante di OAR] usare una vera macchina da scrivere per scrivere i testi di I Go Through durante Evolution of a Song .

Chris Culos: Sapevi che la macchina da scrivere era un regalo di Tom Hanks? La canzone è stata co-scritta da Nathan Chapman, un nostro amico produttore / cantante / cantautore, uno dei più grandi autori di canzoni di Nashville. [Chapman ha anche prodotto cinque album di Taylor Swift, incluso il 1989. ] Lo abbiamo incontrato tramite Rita Wilson [la moglie di Hanks] mentre stava perseguendo la sua carriera musicale.

È stato affascinante vedere voi ragazzi essenzialmente scrivere una canzone sul momento che si è rivelata un'aggiunta davvero fantastica al canone OAR.

Grazie amico. Onestamente, siamo così fortunati. Non avevamo idea di come si sarebbe svolto quel processo quando lo abbiamo avviato. Abbiamo pensato che sarebbe stata un'idea davvero cool, ma era un po 'paura, perché davvero non hanno alcuna idea di ciò che accadrà.

Con Heaven , stavamo cercando di giocare con le popolari tendenze sonore dell'epoca.

La band era sotto pressione. Avere le telecamere nella stanza in quel modo, non l'avevamo mai fatto prima. È già abbastanza difficile scrivere una canzone quando sei completamente rilassato - devi essere vulnerabile e devi lasciare che la creatività fluisca - ma quella particolare sessione di Nashville è stata magica . Per noi, è stato uno di quei momenti in cui ci siamo sentiti: "Wow, siamo arrivati ​​qui e abbiamo fatto quello che ci eravamo prefissati".

Poiché alcuni dei testi di Marc sono così personali, sento che I Go Through è la versione del 21 ° secolo di Harry Chapin's Cat's in the Cradle [un singolo n. 1 nel 1974].

Wow. È un enorme complimento. Quando Marc scrive qualcosa, sente che è completamente onesto sulla sua vita. Sta scrivendo quello che sa - ed è allora che escono le cose migliori.

Soprattutto per artisti come voi, i vostri figli devono capire che papà starà via 100 giorni o più ogni anno. È proprio quello che è la tua vita.

Sì. È un equilibrio su cui abbiamo lavorato duramente per molti anni. È cambiato nel tempo quando ci siamo adattati a essere sposati e ad avere figli - e anche a voler crescere come band, come azienda e essere là fuori per strada. Se siamo onesti al riguardo, riceviamo abbastanza sostegno dalla famiglia a casa in modo che possiamo andare a calci in culo per strada, e quindi possiamo passare più tempo a casa tra quelle corse.

Il modo in cui molte delle canzoni di XX si svolgono è che iniziano in modo un po 'silenzioso acusticamente, con voi che suonate delle percussioni leggere o picchiettate un tamburello prima di iniziare veramente la marcia. È questo il tuo processo di pensiero generale - "Ho bisogno di supportare ciò che Marc sta proponendo qui prima che entriamo davvero dentro" - mentre scrivi le tue parti come batterista?

Grazie per averlo chiesto! Io non penso di esso come parte del processo di songwriting. È qualcosa che studio da un po '. Piuttosto che suonare solo la parte, penso che si adatterà alla musica - che ovviamente proviene ancora da un luogo di supporto - viene dallo studio di cosa hanno fatto i miei batteristi preferiti e cosa ha funzionato nel corso della storia. Tornando indietro nel tempo, ho studiato Motown e R&B, batteria funk e jazz e musica popolare dagli anni '60 agli anni '90 e come si traduce tutto questo.

Per me, ha aperto un modo completamente nuovo di ascoltare la musica. Non è che sia solo un semplice ritmo di batteria dove vai, "Oh, so come farlo!" Sta prestando attenzione a ciò che è stato fatto esattamente per supportare la canzone. Poi inizi a sostenere i testi, non calpestare le dita dei piedi, legarti al bassista e ottenere le basi della sezione ritmica. Inoltre, non si tratta solo di tenere il tempo, si tratta di ottenere quel polso.

Chi considereresti i tuoi batteristi di riferimento quando si tratta di supportare una canzone?

Inizierò a diventare totalmente fanatico di te! Nella parte superiore della mia testa, c'è Bernard Purdie, il batterista più registrato della storia - ha fatto Motown, funk, Steely Dan; solo musica su tutta la linea.

L'Audiofilo: Chris Culos di OARL'Audiofilo: Chris Culos di OARL'Audiofilo: Chris Culos di OARL'Audiofilo: Chris Culos di OAR

Attualmente, uno dei miei preferiti è Rich Redmond, il batterista di Jason Aldean. Rich è un ragazzo che è in grado di suonare sia dal vivo che in studio, e c'è una grande differenza tra studio e live. È una bestia completamente diversa, specialmente in un posto come Nashville, dove il mondo della registrazione è un settore in cui solo una manciata di ragazzi ottiene il lavoro migliore, giorno dopo giorno. E c'è una ragione per questo, non necessariamente perché quello che stanno suonando è complicato , ma è il modo in cui lo fanno sentire. Il modo in cui suonano per la canzone è perfetto e coerente. Adoro guardare questi ragazzi da lontano e pensare, "Oooh, cosa posso prendere da loro? Cosa stanno facendo su cui posso lavorare e fare pratica? "

Ragazzi come quelli mi parlano davvero, perché mi considero un batterista dal vivo, nel senso che siamo in giro da 20 anni. Abbiamo realizzato una manciata di album, quindi sento di avere un po 'di esperienza, ma non mi considero un batterista di sessione. Non è quello che faccio per vivere. Sono fortunato di poter andare in studio con la band e imparare e imparare, e cercare di migliorare ogni volta che lo facciamo. Fa parte dell'esperienza di apprendimento di essere in una band che ha questa storia.

Per me, il miglior esempio di come riesci a ottenere quel livello di supporto è in Heaven , con lo shaker e il lavoro di rullante che fai all'inizio.

Oh grazie! Sì, è solo un mucchio di percussioni diverse e stratificate. In quella canzone abbiamo anche usato un mucchio di diversi campioni di batteria.

Suonare la batteria non significa solo tenere il tempo, ma anche ottenere quel ritmo.

Quando la canzone è uscita per la prima volta [su King del 2011 ], stavamo guardando cosa stava succedendo nelle stazioni radio, in termini di ciò che la nostra canzone sarebbe stata riprodotta dopo, e poi cosa sarebbe successo dopo. È sempre stata una sfida portare le tue canzoni alla radio, ma penso che sia una parte importante della nostra attività cercare di raggiungere il pubblico attraverso la radio. A quel tempo, abbiamo pensato: "Beh, se la radio è piena di P! Nk, Bruno Mars e Katy Perry, registriamo questo in un modo che abbia un po 'più senso accanto a quello, piuttosto che andare con la cosa organica, un un po 'di atmosfera reggae, o un suono più vintage. " Eravamo noi che cercavamo di giocare con le tendenze sonore popolari dell'epoca.

C'è anche un'arte nell'imparare a supportare la melodia e la struttura della canzone, piuttosto che dominare la spinta di una canzone.

Questo è un ottimo punto. Ho cercato di allontanarmi dall'essere un batterista per diventare più un musicista . Pensa alla batteria come a uno strumento, anche se hai quattro arti e più tamburi, e stai gettando le braccia e le gambe dappertutto. Come si inserisce quello strumento nella musica? Sì, stai tenendo il tempo e sì, stai suonando un ritmo - ma come lo suoni musicalmente?

Ovviamente, il modo in cui molte persone ascoltano la tua musica è cambiato nel corso degli intervalli di tempo XX . Se entriamo nell'universo di Spotify, vediamo che OAR ha molti milioni di ascolti. Come artista, come ti senti riguardo allo streaming come metodo di ascolto?

Da grande fan della musica in generale, sono un grande fan di Spotify. Il punto di vista della band è che riguarda la consapevolezza. Siamo entusiasti di poter uscire in tour e fare tour anno dopo anno e trovare un nuovo pubblico. Quando abbiamo iniziato, abbiamo attraversato i giorni del doppiaggio di cassette, della masterizzazione di CD, del ripping di file su Napster per lo scambio di file, pur avendo ancora prodotti fisici. E ora, è completamente capovolto intorno al punto in cui ci sia pari a zero le vendite di album su CD, ma in vinile è attraverso il tetto!

Il fatto è che abbiamo continuato ad adattarci e consideriamo lo streaming un modo per continuare a trovare un nuovo pubblico. È portare nuove persone agli spettacoli e scoprire nuova musica. In questo senso, è fantastico. Adoro poter andare online e ascoltare tutta quella musica a portata di mano.

Alcune band lavorano con Spotify per scoprire dove le persone li ascoltano nel mondo, quindi personalizzano il loro tour in base alle città, alle regioni e ai paesi in cui sono più popolari.

Assolutamente! Lo fai attraverso tutte le analisi che puoi guardare, non solo Spotify, ma le informazioni che raccogli attraverso il tuo sito web, la vendita dei biglietti o la merce. Ad esempio, abbiamo notato che quando andiamo a Milwaukee, c'è un pubblico molto più giovane, come i ragazzi delle scuole superiori e dell'università. E quando andiamo a Minneapolis, è come un appuntamento serale per genitori tra i 30 ei 40 anni.

Questo non significa che non ci sia una varietà in tutti i nostri spettacoli, ma abbiamo notato un'enorme differenza tra queste due città. Dopo aver inserito queste informazioni, possiamo promuovere questi due spettacoli in modo diverso. Possiamo avere tutti i tipi di idee diverse davanti a questo, sapendo quale sarà il pubblico.

E come hai detto tu, tramite Spotify, possiamo scoprire esattamente dove sono in streaming le canzoni. Scopriamo anche quanto merchandising viene venduto in alcune parti del mondo, quante visualizzazioni abbiamo su YouTube e come coltivarlo. Anche le classifiche di Billboard non riguardano solo il numero di album venduti, ma anche il numero di stream che ottieni. Tutte queste cose messe insieme sono davvero ciò che ha un impatto sulla nostra attività.

Adoro l'ambito del sito Live OAR. Mostra davvero come il supporto dei fan sulla strada sia sempre stato il tuo pane quotidiano.

Oh, assolutamente. L'abbiamo coltivato in modo molto organico. Letteralmente, da una squadra di strada che appende poster nei campus e distribuisce CD e cassette, per creare un pubblico. Quel pubblico è ancora qui oggi ed è la cosa migliore in assoluto.

Quindi quando arriverai all'anno 40 della band, dovrai chiamare quella versione XL , giusto?

Non sembra sexy come XX , ma credo di sì! Non vedo l'ora!