Il regista di 'God of War' Cory Barlog spiega come la paternità aggiunge profondità di gioco

Il regista di God of War, Cory Barlog, spiega come la paternità aggiunge la schermata delle notizie sulla profondità di giocoIl nuovo God of War è stato presentato per la prima volta all'E3 2016, rivelando un gioco completamente nuovo che si basa sul franchise leggendario e scarta gran parte delle sue convenzioni a favore di un nuovo, audace, nuovo look e stile narrativo. All'E3 2017 (guarda il nuovo trailer dell'E3 di God of War ) abbiamo avuto la possibilità di sederci con il suo direttore Cory Barlog, con cui abbiamo parlato anche l'anno scorso, per discutere alcuni dei punti più fini della paternità semi-divina.

Forse il cambiamento più evidente in God of War è stato Kratos stesso. È ancora arrabbiato, ma è triste per questo. Il che ha senso considerando gli orrori che ha sopportato e inflitto durante la sua campagna di vendetta contro gli dei del Monte Olimpo.

Più vecchio, più barbuto

Il nuovo gioco presenta un Kratos più vecchio e più saggio. Sente il peso del suo passato ad ogni passo, mentre arranca attraverso una landa selvaggia ispirata alla mitologia norrena avvolta nella neve e nel ghiaccio. Lo segue alle sue calcagna un nuovo personaggio, Atreus, suo figlio. La loro relazione è il cuore del gioco, è la fonte di gran parte della sua tensione, del suo dramma e dello sviluppo del personaggio: Kratos è di nuovo un padre, ed è profondamente turbato da ciò che questo significa per se stesso e per suo figlio.

"È l'umanità che Kratos ha perso", ha detto il regista Cory Barlog. "È quello specchio che gli ricorda che c'è un modo diverso, un modo che avrebbe potuto dimenticare molto tempo fa."

Kratos sta facendo del suo meglio per aiutare suo figlio a capire cosa significa essere un dio.

Ricorda, Kratos ha avuto una brutta partita. Ai tempi in cui era solo un giovane soldato, il dio greco della guerra, Ares, lo indusse a uccidere tutta la sua famiglia. In seguito, si è arrampicato sul Monte Olimpo, lasciando dietro di sé i corpi spezzati di innumerevoli dèi e mostri, per prendere il suo trono come nuovo Dio della Guerra.

L'ascensione di Kratos alla divinità lo maledisse all'immortalità e servì da catalizzatore per gran parte della tragedia e dell'orrore che dovette sopportare negli anni successivi. Per lui, è una maledizione, e questa è la chiave per come vede se stesso e suo figlio.

“Kratos sta facendo del suo meglio per aiutare [Atreus] a capire cosa significa essere un dio. C'è questa sorta di lotta interna con lui, perché non vuole dirlo al ragazzo - per lui, è la cosa peggiore della sua vita, essere un dio ", ha continuato Barlog. “Quando l'ha scoperto, è stato proprio questo orribile, orribile cambiamento nella sua vita. Quindi, sta quasi cercando di mantenere un po 'l'innocenza del ragazzo. "

L'adolescenza di Kratos

La paternità e la relazione tra un genitore e un figlio sono elementi importanti del nuovo gioco God of War , fornendo una profondità insolita e rinfrescante a quello che altrimenti potrebbe essere solo un altro hack-and-slash.

Gran parte dell'ispirazione alla base della decisione di portare Kratos su una strada diversa risiede nel viaggio di Barlog verso la paternità.

"Devi trovare la tua strada in una storia, indipendentemente dal fatto che tu l'abbia scritta o meno, devi trovare la tua strada", ha detto Barlog. “Mentre guardavo [God of War] e mi rendevo conto di quanto la mia vita sia cambiata da quando ho diretto l'ultimo film, ero come se questa fosse una grande differenza, che è importante riflettere in quello che sto facendo. "

Kratos sembra, nei brevi scorci che abbiamo visto, avere un rapporto un po 'teso con suo figlio. Non sono sempre sulla stessa pagina, litigano, ma almeno una parte importante della loro relazione viene sollevata direttamente dalla relazione di Barlog con suo figlio.

Come vediamo alla fine del trailer dell'E3 di God of War , Kratos non capisce cosa gli sta dicendo il serpente gigante del mondo, quindi Atreus funge da traduttore. È un ruolo che ricopre durante il gioco.

“Ho assolutamente, spudoratamente, tirato fuori dalla mia vita perché mia moglie è svedese e mio figlio sta imparando a parlare svedese. A cinque anni, parla meglio lo svedese di me e lo fa notare abbastanza spesso ", ha continuato Barlog. "Quando i miei suoceri sono in città, tutti parlano svedese e non ho idea di cosa stiano dicendo, quindi è una specie di tramite per farmi capire cosa stanno dicendo".

Non una missione di scorta

La profondità narrativa e le relazioni padre-figlio vanno bene, ma è ancora God of War? Assolutamente. Il combattimento è veloce, brutale e ancora una parte importante del gioco come sempre. Barlog era fermamente convinto che questo gioco fosse ancora il Dio della Guerra che conosciamo e amiamo, e si è preso un momento per affrontare una delle più grandi critiche alla nuova direzione espressa dai fan.

"In questo trailer, una delle cose che volevo mostrare è che il DNA di God of War è ancora qui - questo è un combattimento veloce e frenetico - e il figlio di Kratos è parte integrante del combattimento", ha detto Barlog. "Non è affatto una missione di scorta."

Al di là del combattimento mostrato nel trailer, non abbiamo ancora visto gran parte del gioco, quindi è difficile capire come il giocatore si muove ed esplora questo vasto nuovo mondo. Secondo il direttore del gioco, è un gioco molto più aperto rispetto alle voci precedenti della serie God of War, ma non è del tutto open world.

“La scoperta è una parte enorme di questo gioco. Non è un mondo aperto, nel senso tradizionale, è più che abbiamo un mondo molto grande e hai un obiettivo che ti porta in tutto il mondo ", ha detto Barlog.

L'esplorazione sarà una parte importante di questo gioco, a differenza dei precedenti titoli di God of War che erano strettamente lineari, ma non sarà necessaria se preferisci un'esperienza di tipo Point A più tradizionale.

“Quella sensazione di essere ricompensati per la vostra curiosità - è solo grande, è per questo che ho giocare ai video games. Questa idea di esistere in un mondo, voglio creare qualcosa che si senta come se abbraccia quell'idea - e non diventa una lista di controllo ", ha detto Barlog.

La scelta del giocatore è fondamentale per questo nuovo concetto di God of War , fino alle sue meccaniche di base. Piuttosto che guidare il giocatore attraverso il gioco con angoli di ripresa fissi e opzioni di progressione ristrette, God of War mira a rimettere il potere nelle tue mani.

“Gioca nel modo in cui vuoi giocare. Voglio restituire più potere possibile al giocatore. Ecco dove stanno i giochi: dammi gli strumenti, lasciami fare quello che voglio farne. Lasciami risolvere il problema nel modo in cui voglio risolverlo: vivi il combattimento nel modo in cui voglio viverlo ", ha detto Barlog.

Progressione parallela

Parlando di progressione, l'aggiunta di Atreus aggiunge un'interessante opportunità per i giocatori di approfondire le opzioni di personalizzazione a loro disposizione: il modo in cui specifichi Kratos non deve essere come specifichi Atreus. Avranno le loro opzioni di progressione separate.

Ci stiamo appoggiando molto di più all'idea che Kratos e Atreus abbiano una progressione separata

"Non abbiamo molto di cui parlare in questo momento, ma ci stiamo appoggiando molto di più all'idea che Kratos e Atreus abbiano una progressione separata che ti consente di fare delle scelte non solo all'interno di ciò che stai andando ha a che fare con Kratos, ma il fatto che potresti voler fare qualcosa di diverso con Atreus ", ha spiegato Barlog.

Permettere al giocatore di espandersi con ogni personaggio alimenta la narrazione in un modo davvero interessante. Durante il trailer, Atreus commenta che Kratos pensa di essere debole perché non sono esattamente uguali - che ci sono altri tipi di forza.

“È divertente perché questo tocca il concetto di incomprensioni, questa idea del bambino che crede che suo padre pensi che sia una maledizione, suo padre pensa che sia debole. Perché è come lo interpretiamo: se i nostri genitori sono molto critici nei confronti di qualcosa, interpretiamo oltre il loro intento ", ha detto Barlog.

Per Atreus, questo malinteso è una parte importante del gioco. Legge costantemente oltre l'intento di ciò che Kratos dice quando è critico e dice ad Atreus cosa ha fatto di sbagliato invece di cosa ha fatto bene.

Ma è God of War?

I vecchi giochi di God of War erano fantastici ai loro tempi, ma da allora il mondo è andato avanti. I giochi sono cresciuti e si sono evoluti e sono diventati veicoli per narrazioni più complesse e sfumate. Questa nuova versione di God of War introduce alcuni di questi elementi, ma è ancora un gioco sull'esplorazione di un ambiente mitologico e sull'uccisione della maggior parte delle cose che vi si trovano.

Non tutto c'è un nano amichevole che aggiorna il tuo equipaggiamento e fa il crack. Stai tranquillo, il nuovo God of War ha un sacco di cose da uccidere, distruggere, smembrare e congelare con la tua piccozza volante.

Voglio sapere di più? Recupera tutto ciò che sappiamo su God of War .