Come fotografare il cielo notturno, i sentieri stellari e la Via Lattea

Hillary Grigonis / Tendenze digitali

Non devi spendere un braccio e una gamba per scattare splendide foto del cielo notturno. Sì, otterrai immagini più pulite e nitide utilizzando le migliori fotocamere mirrorlers o DSLR, ma non hai bisogno di attrezzature professionali per ottenere buoni risultati - diamine, anche alcuni telefoni possono scattare astrofotografia. Qualunque sia la fotocamera che stai utilizzando, imparare a fotografare le stelle è tutta una questione di tecnica e, oltre a modificare alcune impostazioni della fotocamera, non è troppo difficile.

Ma poiché le fotocamere sono al peggio nell'oscurità, fotografare il cielo notturno richiede un po 'di pazienza e pratica. L'autofocus, sebbene a volte possibile, è meglio evitare, mentre un treppiede è un must. Le migliori foto delle star richiedono anche un po 'di lavoro di postproduzione per farle risaltare davvero, ma ci sono alcune semplici regolazioni che aiuteranno a far risaltare le tue foto. Dall'allestimento alla modifica, ecco come fotografare il cielo notturno, dall'acquisizione di tracce stellari da sogno ai dettagli rivelatori della Via Lattea.

Passaggio 1: ottieni l'attrezzatura

La fotografia stellare non richiede il corpo macchina da $ 5.000 utilizzato dalla NASA, ma ci sono alcuni elementi che sono indispensabili quando si tratta del cielo notturno, a partire da un treppiede. Un treppiede stabilizza la fotocamera in modo da non ottenere un'immagine sfocata durante uno scatto a lunga esposizione (ne parleremo più avanti). Anche un piccolo treppiede da tavolo può fare il trucco, sebbene un modello a grandezza naturale offrirà maggiore flessibilità.

Sebbene la fotocamera che utilizzi non sia la parte più importante dell'equazione, le fotocamere con sensori più grandi avranno un potenziale maggiore. Le migliori fotocamere full frame sono note per i loro elevati rapporti segnale / rumore e per le ottime prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione che aiuteranno a catturare immagini più pulite in qualsiasi ambiente buio, inclusa la fotografia di stelle. Esistono persino fotocamere progettate appositamente per l'astrofotografia. Anche l'obiettivo gioca un ruolo, con obiettivi ad ampia apertura che raccolgono più luce per risultati più puliti: l'obiettivo Nikkor Z 58mm Noct di Nikon da $ 8.000, con la sua enorme apertura f / 0,95, è costruito pensando alla fotografia stellare.

Ma anche se quello che hai è una DSLR entry-level con sensore di ritaglio con un kit di lenti, puoi comunque farlo funzionare.

Dato che scatti al buio, assicurati che il tuo telefono sia carico per usarlo come luce o prendi una torcia a LED in modo da poter vedere la tua fotocamera durante la configurazione. È anche una buona idea assicurarsi di avere familiarità con i controlli della fotocamera prima di uscire. Anche un telecomando per fotocamera è utile, ma non necessario (la maggior parte delle fotocamere moderne può anche essere controllata a distanza da un'app per smartphone; controlla il manuale della tua fotocamera per le specifiche).

Passaggio 2: pianificare in base al tempo

Forse è ovvio, ma non puoi fotografare le stelle con un cielo nuvoloso. Una cosa meno ovvia a cui prestare attenzione, tuttavia, è la fase lunare. La luce della luna piena può soffocare le stelle. Per ottenere i migliori risultati, pianifica intorno alla luna nuova o semplicemente scatta nella direzione opposta della luna per catturare la parte più oscura possibile del cielo.

Se stai immaginando un punto di riferimento specifico con la Via Lattea sullo sfondo, dovrai anche pianificare le riprese intorno a dove si trovano quelle stelle in un determinato momento. Questo non è necessario se hai una posizione con una buona visuale in ogni direzione (i campioni mostrati qui, ad esempio, erano tutti il ​​risultato di alcuni scatti di prova e quindi di trovare la più grande concentrazione di stelle per trovare la Via Lattea ). Ma se stai sognando uno scatto che richiede che la Via Lattea si allinei perfettamente, un'app come PhotoPills può farti risparmiare un sacco di problemi.

Passaggio 3: esci dalla città

L'inquinamento luminoso dalle aree popolate causerà il caos sulla fotografia stellare. Nelle città dense, potresti non essere in grado di vedere le stelle di notte, e questo significa che nemmeno la tua fotocamera. Anche nelle zone rurali, fai attenzione a cose come i lampioni; se sei troppo vicino, la luce che proiettano potrebbe essere visibile nella tua foto.

Di seguito, puoi vedere un esempio di inquinamento luminoso che influisce sulla visibilità delle stelle lungo l'orizzonte.

Precedente Successivo 1 di 2

Passaggio 4: non guardare solo il cielo

Non puoi fotografare nient'altro che il cielo notturno, ma includere il paesaggio circostante crea la sensazione di quanto sia vasto e impressionante quel cielo. Esplora la tua posizione per gli elementi che metteranno a terra il tuo tiro. Qualsiasi cosa, da un albero in primo piano a una montagna lontana, darà un senso del luogo e renderà la foto più intrigante.

Esistono due modi diversi per incorporare il paesaggio nel tuo scatto. Puoi lasciare il terreno così com'è ed esporre al cielo, che trasforma tutto in una silhouette. Oppure puoi usare una torcia o un'altra fonte di luce continua per dipingere un po 'di luce su quegli elementi in primo piano in modo che appaiano a colori con il cielo. Ancora una volta, questa è una scelta creativa, quindi non c'è una risposta giusta o sbagliata, anche se il light painting potrebbe essere il più difficile da padroneggiare.

Passaggio 5: imposta la tua esposizione

Innanzitutto, se stai utilizzando una fotocamera in grado di scattare immagini RAW, assicurati che sia impostata su RAW. Un file RAW sarà molto più facile da lavorare rispetto a un JPEG quando arriveremo alla fase di modifica in seguito. Inoltre, se non hai familiarità con le impostazioni manuali e il triangolo di esposizione, ora è un buon momento per familiarizzare con l'apertura, la velocità dell'otturatore e l'ISO. Avrai bisogno di sapere come regolare queste impostazioni per ottenere i migliori risultati.

La fotografia del cielo notturno è una fotografia a lunga esposizione, ma solo fino a un certo punto. Quando le stelle si muovono nel cielo notturno, un tempo di esposizione troppo lungo le farà sfocare. Per congelare le stelle come punti di luce, mantieni la velocità dell'otturatore a non più di 20 secondi. Usa un'apertura ampia per far entrare quanta più luce possibile, quindi aumenta il tuo ISO solo per quanto necessario. Questo sarà probabilmente nell'intervallo da ISO 1.600 a ISO 6.400, a seconda dell'obiettivo.

Per rivelare i dettagli nella Via Lattea, è fondamentale mantenere la velocità dell'otturatore pari o inferiore a quel segno di 20 secondi. Vai molto più a lungo e otterrai troppa sfocatura.

Foto della Via Lattea con albero in primo piano

Ma non è l'unico modo per immaginare le stelle. Fotografare le tracce stellari, dove sfuocate intenzionalmente le stelle per vedere i percorsi che prendono attraverso il cielo, è un'altra opzione - ed è qui che entra in gioco la tua pazienza. Se pensavi che aspettare per un'esposizione di 20 secondi fosse difficile, prova ad aspettare 20 minuti. Qui, più lungo è il tempo di esposizione, meglio è. Puoi cavartela con 15 minuti, ma se vuoi davvero mostrare come le stelle si muovono nel cielo, imposta la tua fotocamera in modalità "bulb" e lascia l'otturatore aperto per un paio d'ore (aiuta avere un telecomando per questo , altrimenti dovresti tenere fisicamente premuto il pulsante di scatto per tutta la durata dell'esposizione). Tieni presente che alcune fotocamere entry-level potrebbero non avere questa funzione.

Foto della traccia della stella a lunga esposizioneUn'esposizione di 15 minuti guardando verso la stella polare. Esposizioni più lunghe creeranno tracce stellari più lunghe. Daven Mathies / Tendenze digitali

Un'altra opzione è fondere insieme più esposizioni più brevi per creare l'effetto delle tracce delle stelle. Questa è un'opzione anche se non hai una modalità Bulb sulla tua fotocamera, ma richiederà un lavoro serio in Photoshop o un altro programma di composizione delle immagini.

Passaggio 6: imposta la concentrazione

Per i migliori risultati, imposta la fotocamera sulla messa a fuoco manuale. Le stelle sono molto lontane, il che rende più facile ottenere manualmente una messa a fuoco nitida. Inizia ruotando la ghiera di messa a fuoco fino all'infinito, quindi perfeziona da lì. Su una fotocamera mirrorless o una DSLR in modalità live view, puoi ingrandire l'immagine di anteprima mentre metti a fuoco. Anche il focus peaking può essere utile, quindi se il tuo modello di fotocamera offre questa funzione, accendilo e sperimenta. Puoi anche scattare alcune foto di prova utilizzando un ISO più alto e una velocità dell'otturatore più elevata per risparmiare tempo, rivederle per la messa a fuoco critica, quindi ripristinare ISO e velocità dell'otturatore alle impostazioni desiderate prima di scattare la foto effettiva.

Passaggio 7: utilizzare l'autoscatto o il telecomando della fotocamera per scattare

Toccare la fotocamera durante una lunga esposizione a volte può aggiungere vibrazioni della fotocamera, anche con un treppiede. Con la composizione, l'esposizione e la messa a fuoco impostate, sei pronto per scattare, ma scatta a mani libere per i migliori risultati. Se hai un telecomando o una fotocamera abilitata al Wi-Fi con un'app per smartphone, usalo, ma se non hai un telecomando disponibile, puoi utilizzare l'autoscatto per ritardare lo scatto di un paio di secondi, tempo sufficiente per togliere le mani dalla fotocamera.

come fotografare le stelle

Passaggio 8: verifica e modifica

Dopo aver atteso che la lunga esposizione finisca, controlla lo scatto sul display LCD prima di passare a quello successivo. Accertati che la messa a fuoco sia nitida aumentando lo zoom. Se l'immagine è troppo scura, prova a rallentare un po 'di più la velocità dell'otturatore o ad aumentare l'ISO. Controlla la composizione per eventuali miglioramenti: a volte, individuare la vista con il maggior numero di stelle è più facile dopo aver scattato alcuni scatti.

Passaggio 9: modifica

La verità su ogni fantastica immagine del cielo notturno che hai visto è che è stata necessaria molta post-elaborazione. Ciò che la fotocamera cattura tende a essere molto più noioso dell'aspetto che vogliamo, ed è qui che entra in gioco l'editing. Ci sono molte app là fuori per la modifica delle foto, ma per i migliori risultati consigliamo di utilizzare un processore RAW basato su desktop come Adobe Lightroom, Capture One o Skylum Luminar.

Inizia regolando l'esposizione per rendere le stelle più luminose, ma non esagerare o noterai molto più rumore. Il bilanciamento del bianco può tornare utile anche quando si modificano gli scatti delle stelle. Potresti volere che il cielo appaia più blu, o addirittura viola, più del nero o del grigio, e il bilanciamento del bianco è il modo più semplice per farlo.

Il contrasto può anche aiutare quelle stelle a risaltare un po 'di più, ma invece di usare semplicemente il cursore del contrasto, regola individualmente luci, bianchi, ombre e neri. In generale, ti consigliamo di aumentare le luci mentre diminuisci le ombre e farlo in questo modo ti dà un controllo molto più granulare di quello che ottieni con il solo cursore del contrasto.

Fotografia della Via Lattea come appariva dalla telecamera.Fotografia della Via Lattea dopo la modifica in Adobe Lightroom
  • 1. Immagine direttamente dalla fotocamera.
  • 2. Immagine dopo la modifica in Adobe Lightroom CC.

Per la Via Lattea, le regolazioni di chiarezza e vividezza possono aiutare a far emergere il gas e la polvere, mentre le regolazioni localizzate del bilanciamento del bianco possono cambiare il suo colore in modo che risalti maggiormente dal resto del cielo notturno. Potresti anche voler schivare e bruciare selettivamente (schiarire e scurire) le aree all'interno della Via Lattea per aggiungere contrasto e farlo risaltare.

E sebbene non sia un requisito, gli astrofotografi esperti rimuoveranno sempre aerei e satelliti dalle loro immagini. Li vedrai come strisce di luce che attraversano il cielo, al contrario delle scie circolari delle stelle. Ci vuole molto tempo per rimuovere queste cose usando un pennello correttivo o uno strumento timbro clone, ma il risultato finale di solito ne vale la pena.

Imparare a fotografare le stelle non è solo una questione di grandi immagini: è allontanarsi dalle luci della città, stare fuori quando la maggior parte si ritira nei propri letti e stare sotto una vista che è sbalorditiva da quasi ogni parte del mondo. La luce limitata può rendere difficile fotografare le stelle, ma sia l'esperienza che le immagini finali ne fanno una sfida che vale la pena padroneggiare. Anche se non sei un fotografo esperto, sperimentare con l'astrofotografia è sia divertente che gratificante e un ottimo modo per imparare di più sull'editing delle immagini.