L'app Facebook Moments si sta spegnendo per mancanza di utenti

Facebook Moments si sta spegnendo. Non ti sei reso conto che esisteva qualcosa come Facebook Moments? Non preoccuparti, è per questo che l'app si sta chiudendo. Moments, un'app che utilizza il riconoscimento facciale di Facebook per condividere immagini con gli amici, verrà chiusa il 25 febbraio. La società di social media ha iniziato a inviare notifiche agli utenti tramite e-mail giovedì 24 gennaio e ha aggiornato l'app per facilitare l'esportazione.

Facebook afferma che l'app Moments si sta chiudendo parzialmente perché pochi utenti la stavano effettivamente utilizzando. Lanciato nel 2015, Moments utilizza la tecnologia di riconoscimento facciale di Facebook per ordinare il rullino fotografico. Se hai foto dei tuoi amici di Facebook, l'app invia una notifica suggerendoti di condividere quelle immagini con le persone nelle foto.  

L'app è anche servita come modo per salvare le foto per evitare che occupino spazio sul tuo dispositivo. Ciò significa che gli utenti che utilizzano ancora l'app Moments dovranno scaricare immagini per evitare di perdere foto. Gli utenti di Moments possono visitare il sito Web dedicato di Facebook per esportare le immagini che desiderano salvare sul disco rigido del computer o sul rullino della fotocamera del dispositivo. Un'altra opzione è usare l'app Moments per condividere quelle immagini su Facebook, un album che può essere impostato su "solo io" per evitare di condividere il backlog di foto nel feed delle notizie. Il sito web per scaricare le vecchie foto di Moments sarà disponibile fino a maggio.

Mentre app simili come Google Foto progettate per archiviare e salvare le immagini in privato sono state un successo, Moments passerà alla storia come una delle app off-shoot di Facebook che non è mai decollata. Una volta che gli utenti hanno condiviso una foto con gli amici, l'app avvisava gli altri nella foto ma richiedeva loro di scaricare l'app Moments per vedere l'immagine. Al lancio, Facebook lo ha definito "un tipo di condivisione molto più privato con amici specifici".

Le app secondarie di Facebook a volte finiscono per essere funzionalità all'interno dell'app principale. Per le foto condivise pubblicamente, Facebook tagga automaticamente gli amici nelle foto. Con bug recenti come quello che salvava video non condivisi sui dati scaricabili da Facebook degli utenti, è facile capire perché gli utenti potrebbero non fidarsi della piattaforma per l'archiviazione di foto private.